Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:10
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Chi è Franco Magni, l’uomo che ha minacciato di buttarsi giù dal Colosseo

Immagine di copertina

Franco Magni Chi è l’uomo che ha minacciato di buttarsi giù dal Colosseo

FRANCO MAGNI CHI È – Si chiama Franco Magni, è un ex centurione ed è proprietario di un’agenzia turistica l’uomo che questa mattina, martedì 9 luglio 2019, è salito su un cornicione del Colosseo minacciando poi di buttarsi giù per protesta. Il suo gesto ha fatto vivere momenti di tensione nella Capitale.

Magni è stato protagonista di una protesta organizzata come risposta all’entrata in vigore del nuovo regolamento di polizia urbana (‘Esercizio di mestieri, lavori e professioni in aree e spazi pubblici’) che vieta l’attività dei bagarini per strada, e vieta quindi anche l’attività di tutti i promoter di tour turistici salta-fila che da anni assediano i Fori Imperiali.

Franco Magni, l’uomo che minacciava di lanciarsi dal Colosseo

Franco Magni è proprietario di un’agenzia autorizzata dalla Provincia di Roma ad operare nella zona archeologica della Capitale. Il suo gesto, pensato per catturare la massima attenzione, ha ricevuto anche la solidarietà di altri altri addetti del settore, presenti davanti al Colosseo.

I colleghi hanno scandito il nome: “Franco, Franco”. A TPI, parlando del gesto, hanno spiegato: “Protestiamo per il diritto al lavoro, lui ha un’agenzia turistica, siamo promoter, lavoriamo per agenzie autorizzate, in piazza, e da ieri hanno detto che non si può fare più lavoro ambulante”.

franco magni

I manifestanti hanno chiarito che Franco magni “non lavorava nel Colosseo”. “Noi – hanno proseguito – lavoriamo tutti per agenzie turistiche autorizzate, con contratto e busta paga. Abbiamo fatto questo lavoro per 15 anni, stamattina le pattuglie dei vigili e ci hanno detto che dobbiamo andare via, altrimenti sarebbe arrivato il Daspo. Di agenzie come quelle di Franco ce ne sono altre 800 a Roma”.

Franco Magni non è nuovo a gesti come quello odierno. Nel 2015 era già salito sul cornicione del Colosseo minacciando di buttarsi. Quella volta la protesta riguardava un’ordinanza del commissario straordinario di Roma Capitale, Francesco Paolo Tronca, che vietava l’attività dei salta-fila nelle aree di pregio.

Chi è Franco Magni, ecco i video dell’uomo salito sul Colosseo per protesta

Ecco i video della diretta (di Lara Tomasetta) pubblicati sulla pagina Facebook di TPI:

Seconda parte:

Terzo video:

Quarto video:

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Neve a bassa quota e gelo artico, torna l'inverno sull'Italia
Cronaca / Navigatore solitario disperso in mare tra Grecia e Italia: salvato dalla Guardia Costiera
Cronaca / Omicidio Mollicone, la testimone: “Serena ha litigato con un ragazzo il giorno della scomparsa”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Neve a bassa quota e gelo artico, torna l'inverno sull'Italia
Cronaca / Navigatore solitario disperso in mare tra Grecia e Italia: salvato dalla Guardia Costiera
Cronaca / Omicidio Mollicone, la testimone: “Serena ha litigato con un ragazzo il giorno della scomparsa”
Cronaca / Montepulciano, 23enne morto sul lavoro: è stato colpito al petto da un tubo di ferro
Cronaca / Milano, abusi su bambine in una scuola materna: maestro arrestato
Cronaca / Napoli, traghetto da Capri urta banchina: una trentina i feriti, uno in codice rosso
Cronaca / Marco Luis (“il bodybuilder più pompato di sempre”) è morto a 46 anni per cause ignote
Cronaca / Armato a San Pietro: arrestato a Roma super ricercato
Cronaca / Come si entra nei Servizi segreti? Ecco il bando per nuovi 007
Cronaca / In 2 anni 32.500 posti in meno negli ospedali italiani