Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 10:36
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Il migrante annegato con la figlia nel Rio Grande ci insegna che muri e porti chiusi uccidono

Immagine di copertina
Illustrazione di Gianluca Costantini

Foto migranti Messico – Che cosa succede quando un governo cerca di contrastare in ogni modo l’immigrazione, costruendo muri, chiudendo i porti e non occupandosi di costituire dei corridoi umanitari che permettano a chi scappa da guerre, carestie o persecuzioni di approdare altrove alla ricerca di opportunità per una vita migliore?

A questa domanda è possibile rispondere in molti modi, sceglierò il più cruento: quando i governi si adoperano per contrastare il fenomeno dell’immigrazione succede che le persone – che di certo non smettono di migrare e scappare – cercano di attraversare i confini illegalmente, mettendo a rischio la propria vita e talvolta perdendola.

Uno scenario troppo cruento? Purtroppo la realtà dei fatti lo è spesso e certe volte ci sbatte in faccia i suoi lati peggiori, quelli frequentemente ignorati per convenienza politica o malafede.

A raccontarci l’esistenza di questo orribile scenario questa volta è una banale e semplice fotografia, una fotografia che sta creando scalpore nel mondo e smuovendo le coscienze di chi una coscienza ce l’ha.

Un padre e la figlioletta di due anni ritratti ormai esanimi con la faccia all’ingiù, immersa nel Rio Grande. Quel Rio Grande che hanno cercato di attraversare a piedi per arrivare illegalmente in Texas non ha lasciato loro scampo, in quel tratto del Rio Grande hanno trovato la morte, il percorso per un’opportunità di vita migliore si è interrotto nel peggiore dei modi.

“Cercavano la felicità”: chi erano il papà e la bambina annegati al confine tra Messico e Stati Uniti

Guardate questa foto e abbiate il coraggio di denunciare il cattivismo di chi alza i muri (di Luca Telese)

Foto migranti Messico – Purtroppo è così, la realtà ci racconta che le persone più sfortunate – quelle nate povere, senza prospettive, con i passaporti sbagliati, in Paesi del Mondo che non rispettano i diritti umani e che perseguitano e discriminano i cittadini – non si fermano davanti al muro di Donald Trump o alle leggi salviniane che chiudono i porti.

La fame di una vita migliore fa questo, ti spinge a osare, a essere coraggioso, ad attraversare luoghi improbi e improbabili in ogni modo, a camminare per settimane e settimane sotto il sole cocente del deserto rischiando la vita molteplici volte nel tentativo di salvarsela, quella vita, che sarebbe comunque a serio rischio non partendo verso lidi più fortunati.

La cruda realtà ci racconta che le leggi non riusciranno mai a bloccare l’istinto di sopravvivenza che spinge i migranti a fuggire in Paesi migliori, persone che quando partono mettono in conto l’ipotesi morte, una morte che non resterebbe meramente ipotesi se restassero “a casa loro”.

Come si sta “a casa loro”? Come si vive “a casa loro”? Cosa c’è “a casa loro” di così orribile da spingerli a migrare in massa e ad affrontare qualsivoglia tipo di pericolo?

C’è la morte che aleggia ogni minuto in ogni luogo, c’è una quotidiana realtà fatta di torture e persecuzioni razziali, religiose, politiche, realtà così orribili che i fan dei “porti chiusi”, dei muri e del sovranismo non immaginano neanche, perché se riuscissero a farlo molto probabilmente parlerebbero, agirebbero e la penserebbero in maniera diametralmente opposta.

Ma si sa, è difficile immedesimarsi nelle assurde e improbabili vite di chi fugge a rotta di collo quando si ha avuto la fortuna di nascere dalla parte più fortunata e agiata del Mondo. E in tanti non ci riescono, purtroppo.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Minaccia di buttarsi da 17 metri, paura a Pescara: si negozia da 18 ore
Cronaca / Trenitalia, scattano nuove regole sui bagagli e sul trasporto di passeggini, bici e strumenti musicali
Cronaca / Melissa Satta non ci sta e querela: “Basta, definita ‘sex addicted’ per la rottura con Berrettini”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Minaccia di buttarsi da 17 metri, paura a Pescara: si negozia da 18 ore
Cronaca / Trenitalia, scattano nuove regole sui bagagli e sul trasporto di passeggini, bici e strumenti musicali
Cronaca / Melissa Satta non ci sta e querela: “Basta, definita ‘sex addicted’ per la rottura con Berrettini”
Cronaca / Migranti, l’ong non si accordò con gli scafisti: chiesta l’archiviazione per il caso Iuventa
Cronaca / Il 4 novembre sarà la “Giornata dell’Unità nazionale e delle Forze armate”: via libera alla legge
Cronaca / Gruppo FS e il MAECI insieme per gli italiani nel mondo
Cronaca / “Lasciateci insegnare!”: la mobilitazione di Sinistra Universitaria
Cronaca / Roma, sacerdote trovato morto dentro una cabina per fototessere
Cronaca / Fabrizio Corona condannato per diffamazione ai danni di Wanda Nara, Icardi e Brozovic
Cronaca / Con il “Valore di una vita”, gli Alorem hanno aperto l’evento “Life for Gaza”