Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:38
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

“L’ha presa per i capelli e le ha sparato”: le amiche di Vanessa raccontano il femminicidio di Aci Trezza

Immagine di copertina
La foto segnaletica di Antonino Sciuto, 38 anni, l'ex fidanzato di Vanessa Zappalà Credits: ANSA/US/POLIZIA

L’ha uccisa con sette colpi e Vanessa Zappalà non ha avuto scampo: “L’ha presa per i capelli e ha iniziato a spararle”, hanno raccontato i tre amici che l’hanno vista morire davanti ai loro occhi ad Aci Trezza martedì 24 agosto, uccisa dall’ex fidanzato Antonino Sciuto.

Ylenia è una delle sue migliori amiche e ha spiegato: “Antonino è arrivato con la macchina e quando Vanessa se n’è accorta gli ha detto ‘vattene via perché chiamo il maresciallo’. Ci siamo allontanati e lui ci ha inseguito a piedi”. L’uomo aveva noleggiato una Fiat 500, aveva con sè la pistola e aveva preparato un piano che comprendeva 28 proiettili calibro 7.65.

Il padre di Vanessa, Carmelo Zappalà, aveva fatto diverse segnalazioni agli investigatori di Catania: “La aspetta, la pedina, mia figlia non esce più di casa perché ha paura”. L’8 giugno l’aveva messo a verbale, nel tentativo di fermare le violenze: “Circa 15 giorni fa io e mia figlia siamo andati a San Giovanni la Punta a casa di Antonino Sciuto, sperando di mettere fine a questa storia. C’erano anche i suoi genitori, che io avevo contattato al telefono. Abbiamo cercato un approccio conciliatore. Alla fine di tutti i discorsi, andandocene, ho detto al padre di Antonino che se lo vedevo ancora gironzolare intorno a mia figlia, sia da noi che al panificio, lo avrei denunciato. Il padre non mi ha risposto, Antonino invece mi guardato e mi ha detto in faccia: ‘Domani mi porto l’ombrellone e mi piazzo davanti al panificio, ti ci accompagno io dalle guardie'”.

I carabinieri gli avevano chiesto se Vanessa temeva per la sua incolumità e lui aveva risposto che era terrorizzata: “Non potevo sapere di cosa sia veramente capace Sciuto, ma il suo modo di agire non faceva presagire nulla di buono”. Vanessa sapeva che rischiava di essere uccisa, ma il giudice Andrea Filippo Castronuovo dopo un primo arresto, aveva scagionato il ragazzo, ritenendolo non abbastanza pericoloso.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Giovani, precari e depressi: l’impatto delle disuguaglianze sulla salute mentale delle nuove generazioni
Cronaca / È uscito il nuovo numero di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Strage Suviana, trovati i corpi di due dispersi: salgono a cinque le vittime accertate
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Giovani, precari e depressi: l’impatto delle disuguaglianze sulla salute mentale delle nuove generazioni
Cronaca / È uscito il nuovo numero di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Strage Suviana, trovati i corpi di due dispersi: salgono a cinque le vittime accertate
Cronaca / Meteo, temporali e grandine al Nord, temperature giù al Centro-Sud
Cronaca / Epidemia di morbillo in Italia, Bassetti: "Il peggio arriverà in estate"
Cronaca / Vincenzo, Mario, Pavel: chi sono i tre lavoratori morti nell’esplosione della centrale di Suviana
Cronaca / Enrico Varriale al processo per stalking: "Le ho dato uno schiaffo"
Cronaca / Esplosione alla centrale idroelettrica della diga di Suviana: tre morti, tre feriti gravi e sei dispersi
Cronaca / Ancora un morto sul lavoro: operaio folgorato in un cantiere a Taranto
Cronaca / Maiorca, 4 turisti italiani arrestati per stupro di gruppo