Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:52
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Facebook rimuoverà tutti i contenuti che negano l’Olocausto

Immagine di copertina
Auschwitz Birkenau

Facebook aggiornerà le sue politiche sull’incitamento all’odio e vieterà tutti i contenuti che puntano a negare o travisare l’Olocausto. Ad annunciarlo è stato il gigante dei social media, a lungo criticato per non aver fatto abbastanza per depotenziare i negazionisti dell’Olocausto e altri gruppi di odio.

“Se le persone cercano l’Olocausto su Facebook inizieremo a indirizzarli a fonti autorevoli per ottenere informazioni accurate”, ha sottolineato Mark Zuckerberg. Il fondatore di Facebook ammette: “Sono stato combattuto tra la libertà di espressione e il danno causato dal minimizzare o negare l’orrore dell’Olocausto”, ma spiega di aver preso questa decisione dopo aver visto i dati che mostrano un aumento della violenza antisemita.

“La nostra decisione è dettata dall’aumento ben documentato dell’antisemitismo a livello globale e dall’allarmante livello di ignoranza sull’Olocausto, soprattutto tra i giovani”, ha detto una dichiarazione il vice presidente della politica sui contenuti di Facebook, Monika Bickert, che ha citato un sondaggio secondo cui quasi un quarto dei giovani adulti negli Stati Uniti sostiene che l’Olocausto sia un mito o comunque un’esagerazione.

La società aveva precedentemente bandito oltre 250 gruppi di suprematisti bianchi, rimosso 22,5 milioni di discorsi d’odio nel secondo trimestre dell’anno e vietato gli stereotipi antisemiti. Bickert ha comunque sottolineato che il cambiamento richiederà tempo. “L’applicazione di queste politiche non può avvenire dall’oggi al domani. Esiste una serie di contenuti che possono violare queste norme e ci vorrà del tempo per addestrare i nostri revisori e configurare i sistemi sull’applicazione”.

La revisione delle politiche aziendali di Facebook sui negazionisti dell’Olocausto arriva a meno di un mese dalle elezioni presidenziali Usa, e dopo che i social network erano stati accusati di non aver fatto abbastanza per limitare le interferenze straniere nelle elezioni del 2016 che hanno portato alla vittoria di Donald Trump.

Leggi anche: 1. Due terzi degli americani non credono all’Olocausto: sondaggio shock negli Usa /2. L’ultima testimonianza pubblica di Liliana Segre: “Anche ad Auschwitz ho sempre scelto la vita” /3. Giornata della memoria: i libri da leggere per ricordare le vittime della Shoah /4. Giornata della memoria: i film da vedere per ricordare l’Olocausto

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Quirinale, Letta: “Martedì o mercoledì si arriverà a un nome condiviso da tutti”
Cronaca / Quirinale, Salvini: “Pericoloso togliere Draghi da Palazzo Chigi”
Cronaca / Green pass, da febbraio nuova scadenza: il governo valuta la proroga per chi ha fatto la terza dose
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Quirinale, Letta: “Martedì o mercoledì si arriverà a un nome condiviso da tutti”
Cronaca / Quirinale, Salvini: “Pericoloso togliere Draghi da Palazzo Chigi”
Cronaca / Green pass, da febbraio nuova scadenza: il governo valuta la proroga per chi ha fatto la terza dose
Cronaca / Quirinale, nel centrosinistra si fa largo il nome di Riccardi. Ipotesi scheda bianca al primo voto
Cronaca / Covid, oggi 138.860 casi e 227 morti: il tasso di positività al 15%
Cronaca / Intimidazione al pm che indaga che indaga sulla Fondazione Open: misterioso raid sulla sua auto
Cronaca / Strage nel bresciano: scontro tra auto e bus, morti 5 ragazzi
Cronaca / Oms: “La pandemia non finirà con Omicron”
Cronaca / Papa Francesco: "Dolore per i migranti morti in mare"
Cronaca / ESCLUSIVO TPI – “Controlli mai fatti in 25 anni”: lo scandalo dell’impianto Eni in Basilicata