Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:15
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Elisabetta Franchi cerca un nuovo responsabile comunicazione: 700 candidature in un giorno

Immagine di copertina

Elisabetta Franchi cerca un nuovo responsabile comunicazione

Dopo le polemiche sulle donne “anta”, Elisabetta Franchi si è messa alla ricerca di un nuovo responsabile della comunicazione. L’azienda lo ha fatto con un annuncio su Linkedin e in un solo giorno sono arrivate quasi 700 candidature. Qualche settimana fa l’imprenditrice bolognese del settore della moda è finita nella bufera per le sue frasi a proposito del lavoro femminile (“Le donne in azienda sì, ma over 40, così se dovevano fare figli li hanno già fatti, hanno fatto tutti i giri di boa e lavorano tranquille al mio fianco h24”) per poi in parte correggere il tiro in interviste televisive e in comunicati stampa. Nel salotto tv di Bruno Vespa l’imprenditrice ha poi detto: “Ho calibrato male le parole, ma questa gogna mediatica non me la meritavo”.

Le mansioni

Nelle mansioni previste per l’addetto, si legge nell’offerta di lavoro: “La risorsa sarà di supporto alla proprietà nelle relazioni esterne e in tutte le attività volte alla promozione del brand con partecipazione attiva nelle scelte strategiche”. Di certo nell’ultimo periodo l’ufficio comunicazione di Elisabetta Franchi si è trovato più volte in trincea. Oltre al caso delle dichiarazioni dell’imprenditrice, amministratrice unica del marchio Betty Blue con un fatturato “pre-Covid” di 129 milioni, c’è stata anche la sentenza del tribunale a impensierire le relazioni esterne. Di fronte a una causa intentata dalla Cgil, il giudice ha infatti parzialmente accolto il ricorso, definendo condotta “illegittima e antisindacale” la pratica di inviare contestazioni disciplinari a chi non aveva fatto lo straordinario perché era stato proclamato lo stato d’agitazione e lo sciopero con blocco degli straordinari da parte del sindacato.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, Bassetti: “Attenzione alla variante indiana. Forse più contagiosa”
Cronaca / Lo chef stellato Andrea Aprea: “Ho assunto trenta persone. Se paghi il giusto le trovi”
Cronaca / Fratelli Bianchi, la madre: “Sentenza ingiusta. Condannati a furor di popolo”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, Bassetti: “Attenzione alla variante indiana. Forse più contagiosa”
Cronaca / Lo chef stellato Andrea Aprea: “Ho assunto trenta persone. Se paghi il giusto le trovi”
Cronaca / Fratelli Bianchi, la madre: “Sentenza ingiusta. Condannati a furor di popolo”
Cronaca / Il Papa nominerà due donne al dicastero dei Vescovi: è la prima volta nella storia
Cronaca / Molestie adunata alpini, pm chiede l’archiviazione: “Difficile identificare i colpevoli”
Cronaca / Consumi, le famiglie non hanno mai speso così tanto per energia, gas e carburanti
Cronaca / Napoli, bufera sulla pizzeria “Dal Presidente” per una storia omofoba su Instagram
Cronaca / Alessandra, sopravvissuta sulla Marmolada, e il post d’addio al compagno: “Ti amo Tommaso”
Cronaca / Rifiuti, economia circolare, normativa Pfand: l’Italia è ancora al Medioevo. Per fortuna c’è l’Europa
Cronaca / Ius scholae, l’appoggio di Famiglia Cristiana: “Atto di giustizia”