Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:51
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Al Duomo di Torino arriva il Pos: le offerte in chiesa si pagano con il bancomat (o con la carta di credito)

Immagine di copertina

Carta o Bancomat?

Al Duomo di Torino arriva il Pos: le offerte in chiesa le puoi pagare con il bancomat (o carta)

Le offerte in chiesa si potranno fare anche con la carta di credito. Succede al Duomo di Torino, dove dai primi di agosto è stato istallato un Pos, per pagamenti con Bancomat, Mastercard e Visa.

L’idea è venuta a don Carlo Franco, che ha fatto installare due dispositivi elettronici nelle navate: una a destra della Cappella della Sindone, l’altra davanti all’altare della Madonna Grande. 

La tecnologia va avanti e pure la chiesa si adegua. Per accendere un cero, per pagare una messa o, semplicemente, per fare un’offerta, se i fedeli si ritrovano a corto di spiccioli, non devono più preoccuparsi. Le opzioni “candela” e “messa” hanno un costo fisso, ma c’è anche l’opzione “offerta libera” e chissà che col bancomat le offerte siano più generose che con le monete.

Un’innovazione rivolta a torinesi e turisti. E proprio pensando ai turisti a Don Carlo è venuta l’idea. “Ho fatto questa scelta perché i turisti usano molto le carte di credito. Spesso arrivavano col bancomat per donare uno o due euro. E adesso potranno farlo”, spiega don Carlo.

L’idea non è di poco conto: il rinascimentale duomo dedicato a San Giovanni Battista conserva la Sacra Sindone e ogni anno accoglie moltissimi fedeli e turisti.

Ci sono vantaggi anche per la chiesa perché, attraverso il pagamento elettronico, vengono scongiurati i furti dalle cassettine.

Per ora l’idea sembra funzionare: nei primi due mesi l’incasso delle offerte elettroniche è stato di circa 300 euro. E don Carlo è convinto che nei prossimi mesi le donazioni diventino ancora più generose.

L’adozione del Pos da parte del Duomo di Torino non rappresenta il primo caso in Italia. Un esperimento simile era stato fatto in una chiesa di Chioggia, in Veneto.

Chissà che in futuro l’idea non si estenda pure ad altre parrocchie.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Genova, si lancia all’inseguimento di un lupo per investirlo: indignazione sui social | VIDEO
Cronaca / Si finge poliziotto delle Volanti per 11 anni di relazione: scatta denuncia amministrativa
Cronaca / Treviso, la 14enne che ha scoperto di essere l’erede di un imprenditore milionario
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Genova, si lancia all’inseguimento di un lupo per investirlo: indignazione sui social | VIDEO
Cronaca / Si finge poliziotto delle Volanti per 11 anni di relazione: scatta denuncia amministrativa
Cronaca / Treviso, la 14enne che ha scoperto di essere l’erede di un imprenditore milionario
Cronaca / Sarzana, 12enne muore nel sonno: il papà va a svegliarlo per colazione e lo trova senza vita
Cronaca / Carcere di Avellino, agenti della penitenziaria favoriscono il pestaggio di un detenuto: arrestati
Cronaca / Alessandra Matteuzzi uccisa dall’ex: l’odio degli hater anche dopo il suo assassinio
Cronaca / Maltempo, si riaccende la paura a Ischia: da mezzanotte scatta una nuova allerta arancione
Cronaca / Così lo strapotere di Airbnb alimenta la turistificazione delle città italiane
Cronaca / Alessia Sbal investita di proposito sul Gra? Il giallo di quella telefonata: “Ma che fai, non venirmi addosso, fermati!”
Cronaca / La replica di Chef Rubio a Liliana Segre dopo la denuncia: “I suoi silenzi sulla Palestina sono odio, non chi resiste”