Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 20:05
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Parma, tenta il suicidio dopo 7 mesi di violenze: arrestato il fidanzato

Immagine di copertina

Per 7, lunghissimi mesi ha subito ogni tipo di violenze da parte del marito. È stata colpita con bastoni, assi di legno e di metallo. Ha riportato fratture alle costole e per due volte le è stato rotto il naso. Alla fine, ha tentato il suicidio.

Nella mattinata di martedì 12 marzo i carabinieri di Salsomaggiore Terme, in provincia di Parma, hanno arrestato il suo compagno. E, solo ora che la donna è “al sicuro”, la notizia è stata diramata.

L’indagine è iniziata dopo che i genitori della donna hanno chiamato i carabinieri: entrando a casa della figlia l’hanno trovata letteralmente devastata. Ovunque c’erano tracce di sangue.

Così hanno chiamato i soccorsi e, poi, i carabinieri. La donna, trasportata al pronto soccorso, ha riportato una prognosi di 40 giorni per traumi policontusivi con fratture costali multiple, frattura seno mascellare, ematomi multipli, distorsione della rachide cervicale e frattura della ossa nasali.

Violenze, hanno ricostruito gli inquirenti, che sono andate avanti per 7 mesi, fin dall’inizio del rapporto sentimentale con l’arrestato.

L’ultima lite è stata però la più violenta. La donna, ormai terrorizzata dal suo compagno, non lo voleva far entrare nell’abitazione.

Così l’uomo ha sfondato la porta d’ingresso e, trovando alcuni suoi effetti personali in terra, è andato in escandescenza mettendo tutto a soqquadro, spaccando addirittura i mobili.

Poi non soddisfatto, spiegano i carabinieri, ha colpito la vittima con calci e pugni.
L’aggressore non ha poi dato la possibilità alla vittima di contattare il 118 in quanto, nel frattempo, le aveva distrutto il telefono cellulare.

Il giorno successivo, dopo aver recuperato i suoi effetti personali, l’uomo ha lasciato l’abitazione. La donna, in stato confusionale e a seguito delle lesioni riportate, ha trascorso tutta la giornata del 6 marzo scorso a letto senza la possibilità di chiedere aiuto. Solo la mattina seguente è riuscita a mettersi in contatto con i vicini di casa.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 3.702 casi e 33 morti: tasso di positività allo 0,8%
Cronaca / Attacco hacker alla Siae: rubati i dati degli artisti e chiesto un riscatto di 3 milioni
Cronaca / Madre di due bambini muore per tumore al seno diagnosticato tardi: ginecologa a processo per omicidio
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 3.702 casi e 33 morti: tasso di positività allo 0,8%
Cronaca / Attacco hacker alla Siae: rubati i dati degli artisti e chiesto un riscatto di 3 milioni
Cronaca / Madre di due bambini muore per tumore al seno diagnosticato tardi: ginecologa a processo per omicidio
Cronaca / Obbligo vaccinale per personale medico, la sentenza del Consiglio di Stato: “È legittimo”
Cronaca / Falconiere della Lazio fa il saluto romano e inneggia al Duce allo stadio
Cronaca / “Fate girare i nomi degli indagati della morte di Giulio Regeni”. L’appello della famiglia
Cronaca / Chi era Mustapha Manneh, il boscaiolo 32enne morto sul lavoro schiacciato da un albero nel Bellunese
Cronaca / Sicurezza COVID-19 nelle scuole: un diritto per gli studenti, un dovere per le autorità sanitarie
Cronaca / Padre denuncia il figlio 16enne che aveva picchiato un compagno di scuola: “Dove abbiamo sbagliato?”
Cronaca / Covid, 2.697 casi e 70 morti nell'ultimo giorno, positività allo 0,4%. Nuovo record di tamponi: oltre 600mila