Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:02
Pirelli Summer Promo
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Donna incinta mangia pesce crudo: il neonato finisce in terapia intensiva

Immagine di copertina

Donna incinta mangia pesce crudo: il neonato finisce in terapia intensiva

La madre aveva mangiato del pesce crudo in un ristorante “in gravissime condizioni di degrado”. Per questo un neonato di appena 10 giorni è finito in terapia intensiva a Prato, con una forma rarissima

S&D

di sepsi con meningite.

A confermarlo è il direttore della struttura complessa di Pediatria e Neonatologia/Tin del presidio di Prato, che sta seguendo il caso. “L’infezione è particolarmente grave in quanto resistente ai comuni antibiotici usati in neonatologia”, ha detto all’edizione fiorentina de Il Corriere della Sera il dottor Pier Luigi Vasarri, specificando che il tipo di sepsi sviluppata dal bambino è stata riscontrata in soli 12 casi al mondo.

“Questo caso obbliga a rinnovare l’invito alle donne in gravidanza ad evitare il consumo di cibi crudi anche negli ultimi periodi della gestazione al fine di non trasmettere infezioni, di origine alimentare, anche gravi, come nel caso specifico, al nascituro”, ha detto il medico, aggiungendo che il neonato è stato sottoposto alla terapia corretta grazie a una diagnosi tempestiva, anche se il suo quadro clinico “resta comunque serio”.

Secondo le autorità sanitarie, il ristorante in cui la madre si era recata pochi giorni prima del parto era “in gravissime condizioni di degrado e di sicurezza alimentare”. Luca Cianti, direttore per la Sanità pubblica veterinaria dell’azienda Usl Toscana centro, ha dichiarato che dopo un sopralluogo sono stati sequestrati circa 500 chili di prodotti “di cui era ignota l’origine e/o malconservati ed è stata sospesa l’attività del locale, con l’avvio di un procedimento penale. Al ristorante, situato a Sesto Fiorentino, la donna aveva consumato un pasto a base di crostacei e ostriche crude, sviluppando poi un’intossicazione alimentare. Poco dopo la nascita, il figlio aveva manifestato gravi sintomi, poi ricondotti a una rara infezione da Plesiomonas shigelloides.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / 25 aprile 2024: supermercati e negozi aperti o chiusi in Italia per la Festa della Liberazione. Info e orari
Cronaca / Perché la Festa della Liberazione si celebra il 25 aprile? Il motivo
Cronaca / Venezia: dal campanile di San Marco cadono alcuni pezzi di cemento armato
Ti potrebbe interessare
Cronaca / 25 aprile 2024: supermercati e negozi aperti o chiusi in Italia per la Festa della Liberazione. Info e orari
Cronaca / Perché la Festa della Liberazione si celebra il 25 aprile? Il motivo
Cronaca / Venezia: dal campanile di San Marco cadono alcuni pezzi di cemento armato
Cronaca / Femminicidi, Amnesty: "97 donne uccise, 64 da partner o ex"
Cronaca / Pandoro Ferragni-Balocco, per il giudice ci fu una “pratica commerciale scorretta”
Cronaca / Piero Fassino denunciato per furto a Fiumicino: “Ma io volevo pagare”
Cronaca / Roma, ventenne stuprata da due nordafricani: adescata su Instagram
Cronaca / Processo Bochicchio, altro rinvio. E ora le parti civili puntano a far riaprire le indagini
Cronaca / Roma, allarme in hotel del centro per esalazioni tossiche: cinque intossicati
Cronaca / Roma, ragazza precipita da muro del Pincio: portata in codice rosso in ospedale