Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:48
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Chi sono i due detenuti evasi dal carcere di Trani: uno uccise un uomo a 16 anni, l’altro è un rapinatore seriale

Immagine di copertina
Le foto segnaletiche dei due evasi: in alto Giuseppe Antonio De Noja e sotto Daniele Arciuli

Sono riusciti a scavalcare il muro di cinta del carcere di Trani e a far perdere le loro tracce nelle campagne: Daniele Arciuli, 22 anni, e Giuseppe De Noja, 28 anni, sono ricercati dal pomeriggio di ieri in tutta Italia, ma soprattutto nella zona tra Bari e la provincia Bat (Barletta-Andria-Trani). I nomi e le foto segnaletiche dei due detenuti evasi il 26 agosto sono stati diffusi e la polizia li sta cercando su tutto il territorio nazionale: le ricerche sono coordinate dalla Procura guidata da Renato Nitti, che ha aperto un’inchiesta.

Secondo quanto riferito dai sindacati di polizia penitenziaria, il tratto di muro di cinta dove i due sono riusciti a scavalcare è privo di sorveglianza dinamica e i detenuti hanno approfittato dell’ora d’aria per allontanarsi. Un fermo immagine delle telecamere di videosorveglianza li mostra mentre si dirigono verso via Andria.  Ma chi sono i detenuti evasi a Trani e perché si trovavano in carcere?

Daniele Arciuli si trovava in carcere per l’omicidio di Gaetano Spera, commesso il 25 marzo 2015 nella villa comunale di Giovinazzo, nell’ambito di un regolamento di conti legato al controllo delle attività di pesca nelle acque antistanti i litorali di Giovinazzo e Bari-Santo Spirito. Arciuli fu arrestato con l’accusa di essere co-autore del delitto il 30 luglio 2015. All’epoca aveva appena 16 anni e fu condannato dal tribunale minorile con fine pena nel novembre 2024.

Giuseppe De Noja, invece, è considerato dall’autorità giudiziaria un rapinatore seriale. Si trovava in carcere dal 2017 per sette rapine compiute ai danni di gestori di distributori di carburante nella zona di Bari. Con lui era stato arrestato il fratello Giovanni, detenuto anche lui a Trani.

“Nonostante uno fosse ristretto per omicidio e l’altro per rapina e droga – spiega Federico Pilagatti del Sappe – giravano liberamente per il carcere grazie alla scellerata vigilanza dinamica imposta anni fa dal Dap. Il muro di cinta era sguarnito e il poliziotto della sala regia ha dato subito l’allarme quando i due hanno scavalcato il muro”.

Il segretario nazionale per la Puglia del Sappe, il Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria, Federico Pilagatti, ha parlato di “un’evasione annunciata”. “Adesso è prioritario catturare gli evasi”, ha detto, “ma la grave vicenda porta alla luce le priorità della sicurezza (spesso trascurate) con cui quotidianamente hanno a che fare le donne e gli uomini della Polizia Penitenziaria di Trani”.

Pilagatti sottolinea che “i due sono originari di Bari e nonostante uno fosse ristretto per omicidio e l’altro per rapina e droga giravano liberamente per il carcere grazie alla scellerata vigilanza dinamica imposta anni fa dal DAP. Il mura di cinta era sguarnito e il poliziotto della Sala regia ha dato subito l’allarme quando i due hanno scavalcato il muro”.

Leggi anche: Social-Camorra: le faide criminali combattute anche su TikTok tra emoticon e pistole

Ti potrebbe interessare
Cronaca / La lettera del geologo a Jovanotti: “Nessuno ti critica per invidia, ti spiego perché il tuo evento danneggia l’ambiente”
Cronaca / Roma, studentessa norvegese presa a calci a Campo de’ Fiori da un coetaneo: “Ho rifiutato di fare sesso con lui”
Cronaca / Sgabri, multa di 500 euro per aver usato il lampeggiante in Svizzera: “Qui non ci torno”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / La lettera del geologo a Jovanotti: “Nessuno ti critica per invidia, ti spiego perché il tuo evento danneggia l’ambiente”
Cronaca / Roma, studentessa norvegese presa a calci a Campo de’ Fiori da un coetaneo: “Ho rifiutato di fare sesso con lui”
Cronaca / Sgabri, multa di 500 euro per aver usato il lampeggiante in Svizzera: “Qui non ci torno”
Cronaca / Caldo, Ministero della Salute: dall’1 al 15 luglio mortalità aumentata del 21%
Cronaca / Napoli, albero in fiamme durante un compleanno. Invitati ridono e brindano | VIDEO
Cronaca / Rimini, mega truffa in hotel: 500 prenotazioni per 40 posti e caparre sparite
Cronaca / Milano, bambino di 11 anni viene travolto e ucciso da pirata della strada che si è costituito nella notte
Cronaca / Venezia, tenta di uccidere la moglie con una balestra e poi si suicida
Cronaca / Maxitruffa a Rimini: 500 persone versano la caparra per una stanza d’albergo che non c’è
Cronaca / Rovigo, fa il bagno a mezzanotte e scompare. Lo ritrovano vivo dopo nove ore