Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:49
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca » Roma

Maxi manifesto a Roma contro l’aborto: scoppia la polemica

Immagine di copertina

Manifesto aborto Roma. Un maxi manifesto contro l’aborto è apparso questa mattina a Roma, affisso su un palazzo privato che si trova in via Tiburtina.

Sul cartellone, che ha già scatenato diverse polemiche, è raffigurato un embrione, soprannominato Michelino, e si fa riferimento a Greta Thunberg, la giovane attivista svedese che si batte contro il cambiamento climatico.

Il manifesto è opera dell’associazione Pro Vita & Famiglia, che ne ha rivendicato la paternità attraverso le parole di Toni Brandi e Jacopo Coghe, presidente e vicepresidente anche del Congresso Mondiale delle Famiglie.

“Noi scegliamo Michelino, ci battiamo per la vita di tutti, senza discriminazioni in base all’età o alla fase di sviluppo. Non ci fermeranno” hanno concluso poi Brandi e Coghe, che hanno confermato la loro presenza alla Marcia per la Vita, che si terrà a Roma il 18 maggio con partenza da Piazza della Repubblica alle ore 14.

Inevitabili le polemiche sui social network con molti cittadini che hanno richiesto al comune di Roma la rimozione immediata del cartellone. Tra questi anche Matteo Zocchi, capogruppo della Lista Civica del Municipio III.

Anche il PD, tramite le parole della consigliera Giulia Tempesta, ha chiesto la rimozione del cartellone. “Si tratta di una vergognosa offesa a tutte le donne e ai diritti conquistati dopo anni di battaglie civili. La Sindaca Raggi si attivi subito per far rimuovere questo scempio, ancora una volta in violazione del regolamento del Comune sulle affissioni”.

Le fa eco la deputata Giuditta Pini, che ha commentato l’accaduto con un post su Facebook.

Dal canto suo, il Campidoglio ha dichiarato che il cartellone “È stato affisso su un palazzo privato tramite una concessionaria e pertanto senza la necessità di un’autorizzazione da parte del Comune”, sottolineando, però, che “Gli uffici hanno già avviato tutti i controlli per verificare la correttezza del procedimento sia nel suo iter che nei contenuti del manifesto”.

Non è la prima volta che nella Capitale vengono affissi cartelloni simili. Già l’anno scorso, infatti, in occasione della Marcia per la Vita 2018 erano apparsi manifesti choc che equiparavano l’aborto al femminicidio.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Spunta un chiodo nel piatto dei bambini, sospesa la mensa in tutte le scuole di Monterotondo: “Atto criminale”
Cronaca / Frana Ischia, trovato il corpo della 12esima vittima: era l’ultima dispersa
Cronaca / Cyber Eagle 2022: nasce il primo meccanismo di difesa contro gli attacchi informatici dell’Aeronautica Militare
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Spunta un chiodo nel piatto dei bambini, sospesa la mensa in tutte le scuole di Monterotondo: “Atto criminale”
Cronaca / Frana Ischia, trovato il corpo della 12esima vittima: era l’ultima dispersa
Cronaca / Cyber Eagle 2022: nasce il primo meccanismo di difesa contro gli attacchi informatici dell’Aeronautica Militare
Cronaca / Brescia, dipendente comunale sollevata dall’incarico perché lesbica: il Comune dovrà risarcirla
Cronaca / Stupro di gruppo a Siena, il calciatore Manolo Portanova condannato a sei anni
Cronaca / Sacerdote trasmette la messa su Facebook, Meta gliela censura: “Viola i diritti d’autore dei Mondiali in Qatar”
Cronaca / Reddito di cittadinanza: ecco cosa cambia dal 2023 e chi non lo riceverà più
Cronaca / La figlia di Toto Cuffaro entra in magistratura: “Oggi è un giorno speciale per me”
Cronaca / Palermo, partorisce in auto sotto gli occhi dei suoi tre figli
Cronaca / Si prostituisce per pagarsi gli studi ma finisce male: quattro arresti. I nomi