Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:47
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca » Roma

Roma, l’elemosiniere del Papa riallaccia la luce in un palazzo occupato e scatena l’ira di Salvini

Immagine di copertina
Credits: ANDREAS SOLARO / AFP

Elemosiniere del Papa – “Sono intervenuto personalmente, ieri sera, per riattaccare i contatori”. È stato l’elemosiniere del Papa Konrad Krajewski ad ammettere di essere stato lui stesso a riallacciare la luce in un palazzo occupato a Roma, nel quartiere Esquilino.

Konrad Krajewski: chi è l’elemosiniere del papa che ha riattaccato la luce in un palazzo occupato a Roma

“E’ stato un gesto disperato. C’erano oltre 400 persone senza corrente, con famiglie, bambini, senza neanche la possibilità di far funzionare i frigoriferi”, ha spiegato il cardinale elemosiniere all'”ANSA.

Krajewski ha raccontato di aver riattaccato la luce a Spin Time, il palazzo occupato in via Santa Croce in Gerusalemme rimasto al buio e senza acqua calda dal 6 maggio. “Non l’ho fatto perché sono ubriaco”, ha chiarito Krajewski.

“Qui vivono 420 persone (tra cui 98 minorenni) e ci sono 25 realtà culturali. Ma non sarà certo il buio a fermarci. Questo è un’appello alla città di Roma”, avevano fatto sapere in una nota gli attivisti di SpinTime Labs.

L’edificio in Via di Santa Croce è stato occupato il 12 ottobre 2013 dal movimento “Action” a scopo abitativo. Oggi lo stabile ospita anche un’osteria, un laboratorio di birra artigianale, una falegnameria, una sala prove e “un punto di approdo, aperto a tutti, attento ai giovani, agli ultimi e ai più bisognosi”.

Nei giorni scorsi la società di fornitura di energia, Hera, aveva staccato la luce per via delle bollette arretrate non pagate dagli occupanti della palazzina. Il vicepremier Matteo Salvini ha commentato così l’episodio durante un comizio elettorale a Bra (Cuneo): “Conto che l’elemosiniere del Papa, intervenuto per riattaccare la corrente in un palazzo occupato di Roma, paghi anche i 300mila euro di bollette arretrate”.

Il ministro dell’interno ha anche aggiunto rivolgendosi ai presenti: “Penso che voi tutti, facendo sacrifici le bollette le pagate. Se qualcuno è in grado di pagare le bollette degli italiani in difficoltà siamo felici…”.

Papa Francesco incontra la famiglia rom di Casal Bruciato
San Pietro, il blitz di Forza Nuova e lo striscione contro il Papa: “Oggi è toccato a Bergoglio, domani a Mimmo Lucano”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Omicidio Mollicone, la testimone: “Serena ha litigato con un ragazzo il giorno della scomparsa”
Cronaca / Montepulciano, 23enne morto sul lavoro: è stato colpito al petto da un tubo di ferro
Cronaca / Milano, abusi su bambine in una scuola materna: maestro arrestato
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Omicidio Mollicone, la testimone: “Serena ha litigato con un ragazzo il giorno della scomparsa”
Cronaca / Montepulciano, 23enne morto sul lavoro: è stato colpito al petto da un tubo di ferro
Cronaca / Milano, abusi su bambine in una scuola materna: maestro arrestato
Cronaca / Napoli, traghetto da Capri urta banchina: una trentina i feriti, uno in codice rosso
Cronaca / Marco Luis (“il bodybuilder più pompato di sempre”) è morto a 46 anni per cause ignote
Cronaca / Armato a San Pietro: arrestato a Roma super ricercato
Cronaca / Come si entra nei Servizi segreti? Ecco il bando per nuovi 007
Cronaca / In 2 anni 32.500 posti in meno negli ospedali italiani
Cronaca / Desenzano del Garda, multato per aver pulito la spiaggia del lago: parte la colletta
Cronaca / Fa retromarcia e investe il figlio di un anno: il piccolo Matteo muore dopo due giorni di agonia