Me

Aggressione Cinema America: identificati i 4 responsabili

Di Futura D'Aprile
Pubblicato il 18 Giu. 2019 alle 19:03 Aggiornato il 18 Giu. 2019 alle 19:20
Immagine di copertina

Aggressione Cinema America responsabili | Cinema America aggressione

Quattro persone ritenute responsabili dell’aggressione avvenuta nella notte tra sabato 15 e domenica 16 giugno ai danni dei ragazzi che indossavano le magliette del cinema America nel quartiere di Trastevere sono stati identificati dalla Polizia.

Secondo quanto riportato da Corriere i giovani sono stati portati in Questura per essere interrogati.

Le indagini sono state condotte dalla Digos della questura di Roma, mentre la Procura di Roma aveva aperto un fascicolo per lesioni aggravate. I ragazzi sarebbero vicini a organizzazioni di estrema destra.

Roma, violenta aggressione ai ragazzi del Cinema America: “Toglietevi la maglietta, siete antifascisti”

Cinema America aggressione | La vicenda

Nella notte tra il 15 e il 16 giugno 2019 quattro ragazzi sono stati aggrediti nel quartiere romano di Trastevere perché indossavano la maglia del Cinema America.

Hai la maglietta del Cinema America, sei antifascista, levati subito sta maglietta, te ne devi andare via da qua”: è iniziato così il diverbio, terminato in una violenza fisica.

Bottigliate, pugni, insulti e testate con minacce per costringere i ragazzi a levarsi le magliette con il logo del Cinema America: questo il racconto dei ragazzi aggrediti.

Un attacco violento nel cuore di Roma avvenuto intorno alle 4 del mattino, compiuta da una decina di individui di circa trent’anni contro quattro ragazzi che, come detto, avevano passato la serata anche in Piazza San Cosimato per seguire le proiezioni all’aperto organizzate dal Cinema America.

A denunciare la violenza è stato David Habib, ricoverato d’urgenza al Fatebenefratelli. Habib indossava la maglietta bordeaux, simbolo del cinema, poi diventata sporca di sangue. Il ragazzo ha riportato una  tumefazione e trauma con fattura scomposta alla piramide nasale.

“Mi hanno chiesto se fossi antifascista, poi mi hanno tirato una testata sul naso”: parla il ragazzo aggredito a Roma

Dentro il Rojava, guerra di Siria