Covid ultime 24h
casi +26.323
deceduti +686
tamponi +225.940
terapie intensive -20

Crisanti: “Il governo ha ignorato il mio piano-tamponi, le chiusure si potevano evitare”

Di Lara Tomasetta
Pubblicato il 20 Ott. 2020 alle 18:52
103
Immagine di copertina

Un piano per frenare in modo deciso l’epidemia chiuso nel cassetto del ministro per i Rapporti con il Parlamento, Federico D’Incà, e del sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri. Questo è quanto rimprovera al Governo il professor Andrea Crisanti, direttore del Dipartimento di Microbiologia dell’Università di Padova, che è stato tra i primi in Italia a pianificare una strategia vincente contro l’epidemia da SarsCov-2.

Ad agosto Crisanti era stato incaricato di preparare un programma di politica sanitaria per far fronte alla seconda ondata. Nel programma il virologo aveva chiarito: “Bisogna dotare il Paese di una infrastruttura che possa processare almeno 400mila tamponi al giorno”. Purtroppo il programma non è stato è preso in considerazione.

Il piano, nella forma di una bozza preliminare, delineava la dinamica di trasmissione del virus e i fattori che ne influenzano i possibili scenari. Nella sostanza si proponeva di dotare l’Italia di una rete di laboratori fissi e mobili per “incrementare a 400.000 la capacità di effettuare tamponi ed eliminare differenze regionali con l’obiettivo di consolidare i risultati del lockdown e mantenere i contagi a un livello basso che non interferisse con la qualità della vita e le attività produttive”.

“Non ho più avuto riscontri alla mia proposta. Ora a distanza di quasi tre mesi vengono emanati nuovi decreti del Presidente del consiglio, destinati ad impattare sulla nostra qualità della vita e sulle nostre attività lavorative, subiti pazientemente con la speranza che possano contribuire a diminuire il contagio. Ancora una volta, tuttavia, si persiste nell’errore di non chiedersi come, ridotto il contagio con misure progressivamente restrittive, si faccia a mantenerlo a livelli bassi. La mancata risposta a questa domanda ci condannerà a una altalena di misure restrittive e ripresa di normalità che avrà effetti disastrosi sull’economia, l’educazione e la vita di relazione”.

Leggi anche: 1. La Lombardia chiede il coprifuoco / 2. Ats Milano: “Non riusciamo più a tracciare i contagi” / 3. Covid, in Lombardia e Campania più del 10% di tamponi positivi 

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

103
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.