Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Covid: governo azzera la quarantena per i contatti stretti con la terza dose. Capienza ridotta del 50% negli stadi

Immagine di copertina
Perone in fila davanti a una farmacia del centro per effettuare il tampone rapido a Torino, il 28 dicembre 2021. Credit: ANSA/TINO ROMANO

Dal 10 gennaio green pass "rafforzato" anche per treni, aerei e per il trasporto pubblico

Covid: governo azzera la quarantena per i contatti stretti con la terza dose. Capienza ridotta del 50% negli stadi

Il governo ha deciso di azzerare la durata della quarantena per chi ha ricevuto la terza dose del vaccino anti-Covid ed è entrato a contatto con una persona risultata positiva alla malattia. Il decreto approvato oggi dal consiglio dei ministri dopo il collasso del sistema di tracciamento a causa della diffusione della variante omicron, prevede inoltre il ritorno del limite del 50 percento per le capienze degli impianti all’aperto, come gli stadi, e del 35 percento per gli impianti al chiuso e, a partire dal 10 gennaio, l’obbligo di green pass “rafforzato” anche per treni, aerei e navi e per il trasporto pubblico.

Oltre che per chi ha ricevuto la terza dose, il consiglio dei ministri ha deciso la fine della quarantena anche per i contatti stretti che hanno ricevuto due dosi di vaccino, o sono guariti da Covid-19, da meno di quattro mesi, e hanno perciò un green pass “rafforzato”. Anche chi non sarà obbligato alla quarantena dovrà però osservare un periodo di “autosorveglianza”, in cui sarà tenuto a comunicare al medico eventuali sintomi, e per 10 giorni sarà obbligato a indossare la mascherina Ffp2. Solo nel caso in cui manifesterà sintomi, sarà tenuto a sottoporsi a tampone 5 giorni dopo l’esposizione. Secondo il decreto, l’esito negativo di un tampone, molecolare o antigenico, pone fine al periodo di autoisolamento e di quarantena.

Chi è guarito o ha ricevuto due dosi di vaccino da più di quattro mesi, dovrebbe invece osservare un periodo di quarantena di cinque giorni, e non più di sette, nel caso sia entrato a contatto con una persona poi risultata positiva. Al termine dei cinque giorni, dovrebbe essere necessario il tampone. Per i non vaccinati entrati a contatto con un positivo invece la quarantena dovrebbe rimanere a 10 giorni, con tampone negativo, o di 14 giorni senza tampone.

Il decreto prevede inoltre, dal 10 gennaio, fino alla cessazione dello stato di emergenza l’estensione dell’obbligo di green pass anche all’accesso e all’utilizzo dei mezzi di trasporto compreso il trasporto pubblico locale o regionale. Inoltre l’obbligo di esibire la certificazione rilasciata solo a chi ha completato il ciclo vaccinale o è guarito da Covid-19 sarà allargato anche per l’accesso ad attività come alberghi, ristoranti all’aperto, impianti di risalita sulle piste da sci, piscine anche all’aperto, centri culturali anche all’aperto, centri congressi, fiere e feste.

L’annuncio segue le richieste delle regioni negli scorsi giorni di ridurre i tempi dell’isolamento ed evitare la paralisi delle attività economiche a seguito dell’ondata della nuova variante omicron. Stamattina la conferenza delle regioni aveva chiesto di azzerare la quarantena per tutti i vaccinati con la terza dose entrati a contatto con un positivo, obbligando al tampone solamente chi dovesse risultare sintomatico. I presidenti delle regioni hanno inoltre chiesto di limitare l’accesso ai posti di lavori solamente a chi è vaccinato o guarito da Covid-19, estendendo il cosiddetto green pass “rafforzato” a tutti i lavoratori. Una proposta che non è stata accolta per il momento dal governo che nelle prossime riunioni, previste già per i primi di gennaio, potrebbe decidere di estendere l’obbligo vaccinale ad altre categorie di lavoratori.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Sgarbi:”Per me Berlusconi non sa chi sia Marta Cartabia”
Cronaca / Covid, oggi 188.797 casi e 385 morti: tasso di positività al 17%
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Sgarbi:”Per me Berlusconi non sa chi sia Marta Cartabia”
Cronaca / Covid, oggi 188.797 casi e 385 morti: tasso di positività al 17%
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Oristano, percepivano il reddito di cittadinanza senza averne i requisiti: 60 persone denunciate
Cronaca / Il governo apre alle Regioni: allo studio nuove regole per rendere meno probabile l’accesso alla zona rossa
Cronaca / Melandri si difende: “Sono un free vax, ognuno deve essere libero di scegliere il proprio destino” | VIDEO
Cronaca / Stupro di Capodanno, le intercettazioni shock: “Ce semo divertiti”, “Colpa della famiglia di lei”
Cronaca / Jacobs divorzia dall’agenzia di Fedez: scarsa promozione dell’immagine
Cronaca / Tenta la fuga dalla casa di riposo: 91enne muore dopo essersi calato con le lenzuola dalla stanza
Cronaca / Cassazione: “Rapina aggravata se con mascherina”. Ma il ladro protesta: “Era obbligatoria”