Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 07:46
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Covid in Italia, l’8 gennaio 6 regioni verso il cambio di colore. Ecco quali

Immagine di copertina

L’Italia è ancora in piena emergenza Covid. Una volta terminate le feste, il Governo dovrebbe attuare un provvedimento ponte tra il 7 e il 15 gennaio (la data di scadenza del decreto natalizio e quella dell’ultimo Dpcm). Con il weekend del 9 e 10 gennaio in zona rossa. Nel frattempo le varie Regioni torneranno a colorarsi di giallo, arancione e rosso. Ma quali sono le Regioni che rischiano di diventare di colore arancione dall’8 gennaio? Al momento sono tre: Calabria, Liguria e Veneto. Ma rischiano anche Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia e Marche. Il resto dell’Italia dovrebbe invece essere di colore giallo, compreso l’Abruzzo che prima delle festività era arancione.

Intanto però il comitato tecnico scientifico va verso una revisione dei criteri decisivi per determinare le fasce di rischio. L’idea è di rivedere l’incidenza dell’Rt. Oggi la zona arancione parte da 1,25, quella rossa da 1,5: dovrebbero diventare rispettivamente 1 e 1,25.

Le nuove fasce di rischio saranno decise – con il coinvolgimento di Cts, cabina di regia, regioni – nella giornata di venerdì. A confermare i cambiamenti è stato il ministro della Salute, Roberto Speranza: “Stiamo facendo fare un approfondimento ai tecnici in modo da abbassare le soglie dell’Rt per accedere in zona rossa o arancione. Misura che incide sul modello della zonizzazione”. Dello stesso avviso il ministro per le Autonomie, Francesco Boccia: “La proposta oggi non è di cambiare i parametri, che restano gli stessi perché hanno funzionato, ma le soglie di accesso ad una zona, decidendo di essere ancora più rigorosi per consentire alla campagna di vaccinazione di avere delle reti sanitarie meno appesantite, da difendere con maggior forza quando l’Rt supera l’1”.

Leggi anche: 1. Covid, il governo valuta nuove strette: sei regioni verso l’arancione e weekend rossi in tutta Italia; //2. Covid, gli impianti sci riaprono il 18 gennaio. L’ordinanza del ministro della Salute //3. Vaccino, l’elenco completo dei centri di somministrazione in Italia “è ancora in divenire”. Il documento di Arcuri/

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Fiere di animali esotici, l’inchiesta della Lav sui “wet market” italiani
Cronaca / 4.552 nuovi casi e 66 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività all'1,6%
Cronaca / Palombelli difende le sue affermazioni sui femminicidi: “Guardare realtà da tutte le angolazioni”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Fiere di animali esotici, l’inchiesta della Lav sui “wet market” italiani
Cronaca / 4.552 nuovi casi e 66 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività all'1,6%
Cronaca / Palombelli difende le sue affermazioni sui femminicidi: “Guardare realtà da tutte le angolazioni”
Cronaca / Quando esce The Post Internazionale in edicola, città per città
Cronaca / Positivi al Covid, accompagnano i figli a scuola prima dell’esito del tampone: due classi in quarantena
Cronaca / “Il Covid non esiste”: maestra trevigiana no vax e no mask ricoverata in terapia intensiva
Cronaca / Brunetta: “Adesso basta smart working, con il Green Pass tutti i lavoratori potranno tornare in presenza”
Cronaca / Barbara Palombelli sui femminicidi: “Bisogna chiedersi se le donne hanno avuto comportamenti esasperanti”
Cronaca / Green pass per tutti i lavoratori: multe fino a 1.500 euro e stop allo stipendio per chi non ha la certificazione
Cronaca / Alessandro Barbero contro il Green Pass: "Così la sinistra si piega ai padroni"