Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 12:31
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Covid, dal 28 dicembre l’Italia diventa “arancione”: come cambiano le regole e cosa si può fare

Immagine di copertina

Covid, dal 28 al 30 dicembre l’Italia sarà arancione: come cambiano le regole

A partire da oggi, lunedì 28 dicembre, sino a mercoledì 30 dicembre l’Italia da rossa diventa arancione: ecco come cambiano le regole anti-Covid in questi 3 giorni in base all’ultimo decreto legge emanato dal governo lo scorso 18 dicembre.

Le regole anti-Covid in vigore nella zona arancione

Le norme anti-Covid valide per la zona arancione saranno in vigore a partire dalle 7 di lunedì 28 dicembre e valide per la giornata di martedì 29, mercoledì 30 e poi di nuovo per lunedì 4 gennaio 2021.

In questi giorni è confermato il coprifuoco dalle ore 22 alle 5 del mattino, orario in cui si potrà uscire solo per comprovati motivi di lavoro, necessità e salute, mentre sarà possibile la circolazione all’interno del proprio Comune.

Questo significa che all’interno del proprio comune ci si potrà muoversi liberamente con la possibilità quindi anche di andare a fare visita ad amici e parenti, sempre ovviamente all’interno del proprio comune e tra le 5 e le 22.

Negli stessi giorni sarà possibile anche, una sola volta al giorno, spostarsi per fare visita a parenti o amici, in un Comune diverso dal proprio, ma sempre e solo all’interno della stessa Regione (gli spostamenti tra Regioni rimangono vietati) tra le 5 e le 22 e nel limite massimo di due persone.

La persona o le due persone che si spostano potranno comunque portare con sé i figli minori di 14 anni (o altri minori di 14 anni sui quali le stesse persone esercitino la potestà genitoriale) e le persone disabili o non autosufficienti che con loro convivono.

Per chi vive in un Comune fino a 5.000 abitanti, sarà possibile spostarsi liberamente, tra le 5 e le 22, entro i 30 km dal confine del proprio Comune (quindi eventualmente anche in un’altra Regione), con il divieto però di spostarsi verso i capoluoghi di Provincia: conseguentemente, sarà possibile anche andare a fare visita ad amici e parenti entro tali orari e ambiti territoriali.

Riaprono i negozi, bar e ristoranti restano chiusi: le regole dell’Italia arancione

Anche in zona arancione i ristoranti e i bar restano chiusi al pubblico con la possibilità di aprire fino alle 22 solo ed esclusivamente per l’asporto, mentre non vi sono restrizioni per le consegne a domicilio. Tutti gli altri negozi, invece, potranno riaprire le saracinesche fino alle 21.

Si può tornare a fare shopping, dunque, sempre a patto che sia assicurato, oltre alla distanza interpersonale di almeno un metro, che gli ingressi avvengano in modo dilazionato e che venga impedito di sostare all’interno dei locali più del tempo necessario all’acquisto dei beni.

Le norme, come detto, saranno in vigore nei 4 giorni feriali, mentre dal 31 dicembre all’1, 2, 3 gennaio e poi dal 5 al 6 gennaio, l’Italia sarà di nuovo zona rossa (qui lo schema delle restrizioni per ogni fascia) con l’entrata in vigore delle stesse regole restrittive già adottate nelle giornata di Natale e Santo Stefano con l’aggiunta che nella notte tra il 31 dicembre e il 1 gennaio il coprifuoco verrà prolungato di due ore: anziché terminare alle 5, quindi, cesserà alle ore 7 del mattino.

Leggi anche: 1. V-Day, primi cinque vaccinati allo Spallanzani. Conte: “Il primo spiraglio di luce” / 2. Sci, a rischio la riapertura prevista il 7 gennaio. Il Cts boccia il Piano delle Regioni / 3. Il Veneto ora è un caso: record di contagi, tasso di positività al 36,3%

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

Ti potrebbe interessare
Cronaca / TPI sulla Ocean Viking. Dopo 24 ore di salvataggi, le grida di gioia dei migranti: “Siamo salvi” | VIDEO
Cronaca / Locatelli (Cts): “Solo il 12% dei vaccinati può infettarsi, ma senza sviluppare la malattia”
Cronaca / Pronto un nuovo decreto: green pass su treni e aerei, scuola in presenza da settembre
Ti potrebbe interessare
Cronaca / TPI sulla Ocean Viking. Dopo 24 ore di salvataggi, le grida di gioia dei migranti: “Siamo salvi” | VIDEO
Cronaca / Locatelli (Cts): “Solo il 12% dei vaccinati può infettarsi, ma senza sviluppare la malattia”
Cronaca / Pronto un nuovo decreto: green pass su treni e aerei, scuola in presenza da settembre
Cronaca / Tre regioni rischiano il passaggio in zona gialla entro fine agosto
Cronaca / Immunizzato il 60%  della popolazione over 12
Cronaca / 16 morti e 6.513 casi nell'ultimo giorno: tasso di positività al 2,4%
Cronaca / È di uno studente universitario di 23 anni il cadavere trovato carbonizzato vicino a Pisa
Cronaca / Tre regioni rischiano il passaggio in zona gialla entro fine agosto
Cronaca / Immunizzato il 59,1% della popolazione
Cronaca / Brusaferro: "Vaccinati? Pochi rischi ma possono contagiare"