Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 01:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Covid, Crisanti: “Draghi fa finta di niente come Johnson in Inghilterra. È stato fortunato”

Immagine di copertina

Nel corso della puntata di ieri di Otto e Mezzo il virologo Andrea Crisanti ha definito l’approccio di Draghi nel contrastare l’ultima ondata del virus simile a quello adottato dal primo ministro britannico Boris Johnson nel Regno Unito. “Draghi è stato fortunato. Penso che la linea di Draghi sia molto simile a quella del premier britannico Johnson. Facciamo finta che sia tutto normale e speriamo bene, questo è l’approccio”, ha dichiarato il direttore dei dipartimenti di microbiologia e virologia dell’università di Padova.

“L’Inghilterra tra aprile e gennaio ha avuto 15mila morti più dell’Italia. Penso che l’Italia abbia fatto meglio dell’Inghilterra, è cresciuta di più dal punto di vista economico e ha protetto i cittadini, perché abbiamo avuto meno decessi. Ora questa impostazione viene abbandonata in nome di una presunta normalità, perché non si può parlare di normalità con 250mila contagi al giorno”, ha continuato Crisanti.

Draghi “ha promesso agli italiani che ci sarebbe stata l’immunità di gregge, ha detto che il green pass ci avrebbe protetto dalla trasmissione. È arrivata poi una variante che fortunatamente non dà grossi problemi ai vaccinati”, ha osservato. “Se questa variante” Omicron “oltre a infettare i vaccinati avesse creato problemi importanti di carattere clinico, avrebbe creato problemi a qualsiasi governo, considerando che sono state ritardate le terze dosi. Sul fronte della vaccinazione ha fatto bene. Sono stati fatti degli errori. Come dicevano i romani, il generale deve essere bravo e fortunato: penso che qui ci siano entrambi gli elementi”.

Secondo Crisanti, insomma, il motivo per cui la situazione non è peggiorata come nel Regno Unito a livello clinico e di decessi è stata la scarsa contagiosità della variante Omicron, che se più letale avrebbe creato problemi in presenza di una simile linea “aperturista”. Draghi, in questo senso, è stato fortunato. Nel corso della conferenza stampa organizzata lunedì 10 gennaio per illustrare l’ultimo decreto Covid il premier ha chiaramente spiegato ai cronisti che la volontà dell’esecutivo è quella di lasciare l’Italia aperta il più possibile. “Vogliamo che l’Italia resti aperta”, ha detto.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roma, 46enne accoltellato alla Stazione Termini per una rapina: è grave
Cronaca / Roma, bimba viene alla luce dopo essere stata operata di spina bifida in utero: è perfettamente sana
Cronaca / Processo contro Ciro Grillo e i tre amici: “Ho visto i lividi della violenza”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roma, 46enne accoltellato alla Stazione Termini per una rapina: è grave
Cronaca / Roma, bimba viene alla luce dopo essere stata operata di spina bifida in utero: è perfettamente sana
Cronaca / Processo contro Ciro Grillo e i tre amici: “Ho visto i lividi della violenza”
Cronaca / Bimba con febbre a 41 fatta attendere un’ora e mezzo in codice verde: muore tre giorni dopo
Cronaca / “Pestava la moglie e la figlia di 10 anni”: prof della Sapienza e avvocato del Coni a processo
Cronaca / Torino, fermati 5 giovani per il lancio della bici che colpì uno studente: l’ipotesi è di tentato omicidio
Cronaca / Donnexstrada e il supporto legale contro la violenza di genere e la vittimizzazione secondaria
Cronaca / Saman Abbas, il padre è ancora in Pachistan: un altro rinvio per discutere sulla sua estradizione
Cronaca / “Sapeva che il paziente era Matteo Messina Denaro”: arrestato Alfonso Tumbarello, medico del boss
Cronaca / Milano, un altro stupro di gruppo: la vittima è una studentessa di 20 anni