Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 06:09
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Coronavirus, scioperi spontanei nelle fabbriche aperte: “Non siamo carne da macello”

Immagine di copertina

Coronavirus, scioperi spontanei nelle fabbriche aperte

La decisione del Governo di chiudere negozi ed esercizi commerciali per l’emergenza coronavirus, ma lasciare aperte le fabbriche e le attività produttive sta generando ripercussioni negli stabilimenti italiani. I sindacati sono infatti in allarme perché vengano garantiti i livelli di sicurezza dal punto di vista sanitario.

La segretaria generale della Fiom, Francesca Re David, ha definito “inaccettabile la mancanza nel nuovo Dpcm di misure e iniziative volte alla protezione dei lavoratori che stanno garantendo la tenuta economica del Paese in una condizione di grave emergenza” e ha chiesto “al governo la convocazione urgente di un confronto per affrontare la situazione di emergenza dei lavoratori metalmeccanici”.

La Fiom ha chiesto di “mobilitarsi da subito per iniziative tese a verificare che ai lavoratori siano garantite dalle imprese le condizioni di salute e sicurezza anche attraverso fermate per una riduzione programmata delle produzioni”. E ha ribadito “la necessità dei provvedimenti urgenti governativi sugli ammortizzatori sociali”.

Intanto, da diverse parti del Paese sono arrivate segnalazioni di lavoratori che lamentano scarsa attenzione da parte dei datori e di conseguenza hanno incrociato le braccia. Alla Ast di Terni sono state indette otto ore di sciopero, a partire dalle 6 di domani (13 marzo), per ogni turno di lavoro per i diretti e per l’indotto: la mossa delle Rsu e delle segreterie territoriali di Fim, Fiom, Uilm, Fismic, Ugl e Usb, in segno di protesta per la mancata adozione da parte dell’azienda di misure ritenute “idonee” per il contenimento del coronavirus.

Alla Fincantieri di Marghera i sindacati hanno confermato la protesta dettata dall’emergenza sicurezza. “Impossibile rispettare le regole – le parole di tre carpentieri all’Ansa -, non si può fare questo lavoro stando a distanza di un metro l’uno dall’altro sarebbe meglio chiudere tutto. Questo virus è un casino e non ci sentiamo protetti”.

“Non siamo carne da macello”, hanno detto gli operai di alcune aziende della provincia di Brescia. “Stiamo discutendo con le aziende per capire come affrontare questa situazione. Registriamo scioperi in quattro o cinque realtà”, ha detto invece il segretario della Cgil di Brescia Francesco Bertoli. “Ci sono aziende anche grandi che si sono fermate, mentre altre che per motivi di commesse legate a penali, sono in difficoltà e non possono sospendere la produzione”.

Un altro caso è quello dei lavoratori della Corneliani di Mantova, fabbrica dello storico marchio di moda da uomo, che hanno deciso di scioperare “per tutelare la loro salute“.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Lazio, il consigliere no vax Barillari si punta una pistola al braccio: "Il vaccino è una roulette russa"
Cronaca / 18 morti e 6.619 casi nell'ultimo giorno: tasso di positività al 2,7%
Cronaca / “Vi aspetto in terapia intensiva, con un pizzico di piacere”: infermiere punito per un post contro i no vax
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Lazio, il consigliere no vax Barillari si punta una pistola al braccio: "Il vaccino è una roulette russa"
Cronaca / 18 morti e 6.619 casi nell'ultimo giorno: tasso di positività al 2,7%
Cronaca / “Vi aspetto in terapia intensiva, con un pizzico di piacere”: infermiere punito per un post contro i no vax
Cronaca / Pisa, operai licenziati dopo aver scioperato per il salario: la denuncia della Cgil
Cronaca / Focolaio Covid tra gli attori: “Tutto è partito da un festival in Sardegna”
Cronaca / Scuola, il piano Bianchi “copia” Azzolina e ha paura di nominare la didattica a distanza
Cronaca / Brusaferro (Iss) chiede prudenza: "Rt verso stabilizzazione"
Cronaca / Il 58,82% della popolazione italiana ha completato il ciclo vaccinale
Cronaca / “Non vi azzardate a vaccinarmi”: le parole di una 50enne no vax prima di essere intubata per Covid
Cronaca / Licata, consigliere comunale ex Lega spara 4 colpi di pistola contro il socio in affari