Covid ultime 24h
casi +21.994
deceduti +221
tamponi +174.398
terapie intensive +127

La truffa dei falsi volantini del Ministero: “Si invitano i non residenti a lasciare abitazioni ospitanti”

Diversi di questi volantini sono comparsi a Roma: si tratta di una truffa per rubare nelle case, soprattutto degli anziani

Di Antonio Scali
Pubblicato il 28 Mar. 2020 alle 12:24
160
Immagine di copertina

Coronavirus, a Roma la truffa dei falsi volantini del Ministero dell’Interno

Numerosi volantini sono comparsi in questi giorni a Roma, in particolare nella zona Appio, con un’ipotetica comunicazione da parte del Ministero dell’Interno: “Si invitano gli eventuali non residenti di questo edificio a lasciare le abitazioni ospitanti per rientrare nel loro domicilio di residenza. Le autorità svolgeranno dei controlli nei condomini e nelle abitazioni private”.

volantini ministero truffa

Subito sono scattate le verifiche da parte delle forze dell’ordine. Quanto riportato nei fogli, stampati su carta intestata ‘Ministero dell’Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza’, con tanto di logo della Repubblica Italiana, è da ritenersi, sottolineano dalla Questura di Roma, “falso ed ingannevole per la pubblica fede e non deve essere preso in considerazione da chi li dovesse ritrovare, soprattutto laddove vengono invitati eventuali non residenti degli stabili a lasciare le abitazioni ospitanti per rientrare nel proprio domicilio di residenza”. Insomma una vera e propria truffa, per sfruttare l’emergenza Coronavirus, che probabilmente mirava a colpire soprattutto gli anziani, facendoli uscire dalle loro abitazioni per poterle poi derubare più facilmente.

Leggi anche: 1. ESCLUSIVO TPI: Una nota riservata dell’Iss rivela che il 2 marzo era stata chiesta la chiusura di Alzano Lombardo e Nembro. Cronaca di un’epidemia annunciata / 2. Coronavirus, i numeri in Italia non tornano. Contagi troppo bassi e decessi troppo alti

TUTTE ULTIME LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

160
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.