Covid ultime 24h
casi +10.497
deceduti +603
tamponi +254.070
terapie intensive -57

Coronavirus, errori nei test: c’è chi torna positivo dopo 2 tamponi negativi

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 8 Apr. 2020 alle 09:04
299
Immagine di copertina
Tampone Credits: Ansa

Coronavirus tamponi: c’è chi torna positivo dopo 2 negativi

Per mappare il Coronavirus l’alleato principale sono stati i tamponi. Ma non sempre la risposta dei test è sicura al 100 per cento.

Diverse Regioni si stanno attrezzando con i test sierologici, più rapidi del tampone tradizionale (danno risultati in un’ora, anziché 24) e in grado di capire se l’organismo ha sviluppato anticorpi contro il virus. Lo screening riguarderà 200mila persone. Ma siamo ancora in una fase sperimentale. E non c’è la certezza che i test funzionino, avverte l’Istituto di Sanità. “L’affidabilità è ben lungi dal 100 per cento, serve cautela”, ha spiegato il direttore delle malattie infettive dell’Iss.

Sui tamponi, che scontano peraltro la mancanza di reagenti, sembrerebbe esserci un margine di errore. La prima donna contagiata a Roma sembrava guarita, dopo due risultati negativi consecutivi. Invece, dopo un nuovo test, è tornata positiva. Secondo Rezza dell’Iss, “c’è incertezza ed è bene ammetterlo, i casi di ritorno dell’infezione sono eccezionali. Non sappiamo se chi resta a lungo positivo è ancora contagioso e quanto”.

“Sarebbe utile effettuare un tampone di richiamo”, dice Massimo Andreoni, direttore scientifico della Società italiana di malattie infettive e virologo del Policlinico Tor Vergata di Roma. “Questo virus ha una lunga presenza all’interno dell’orofaringe. E nel nostro ospedale abbiamo notato che il tampone è molto operatore-dipendente. Ci sono operatori che hanno in gran parte risposte positive dai pazienti, altri che ne hanno in batteria di negative. L’esecuzione richiede un certo expertise. Se fatto male, il tampone può dare esito negativo. Sappiamo poi che a volte quando sembra che il virus non è più replicante, invece riprende a moltiplicarsi”. Non è una discussione tra scienziati, “si rischia di dichiarare guarito chi non lo è”.

Leggi anche:

1. “In Lombardia non si potevano fare zone rosse, non si poteva fermare la produzione”: parla a TPI il presidente di Confindustria Lombardia / 2. Alzano e Nembro, Gallera ammette: “La Regione Lombardia poteva creare la Zona Rossa. Ho approfondito, esiste una legge” / 3. “Il fallimento della politica sanitaria lombarda. Vi racconto cosa è successo quel 23 febbraio ad Alzano”: lettera di un operatore sanitario di una struttura Covid a Bergamo

4. Oltre la pandemia: la “strage colposa” in Italia e le responsabilità della politica / 5. Guida per non farsi ingannare dai numeri: come arrivare preparati alla conferenza stampa delle 18 / 6. “Scordatelo: i tamponi qui solo se sei un politico, o un calciatore. Così mia madre è morta di Covid”, il dramma di una famiglia di Orzinuovi

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

299
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.