Covid ultime 24h
casi +19.644
deceduti +151
tamponi +177.669
terapie intensive +79

Coronavirus, parla Marco Bertona “l’alchimista del Tè”: “Nessun rischio da cibo e prodotti cinesi”

Marco Bertona è il presidente di Associazione Italiana Tè & Infusi (AssoTè) e di Slow Tea International, che ha sede a Hong Kong

Di TPI
Pubblicato il 22 Feb. 2020 alle 12:36 Aggiornato il 22 Feb. 2020 alle 12:47
0
Immagine di copertina

Coronavirus, “nessun rischio da cibo e prodotti cinesi”

Psicosi o legittima preoccupazione? L’epidemia del Coronavirus rende il confine piuttosto labile ed è opportuno fare chiarezza. L’allarmismo si è già manifestato in maniera preoccupante nei confronti di persone asiatiche e delle merci importate dalla Cina. Ne abbiamo parlato con una persona che conosce piuttosto bene il tema.

Marco Bertona è presidente di AssoTè & Infusi, nonché di Slow Tea International (di cui è anche fondatore), con sede a Hong Kong. La sua passione per il Tè si lega a quella per la cultura orientale: affascinato dalla religione Buddista, insegnante e cintura nera di arti marziali, negli anni ’80 ha compiuto un viaggio in Asia che lo ha portato a scoprire il Tè come rituale e patrimonio culturale, che richiede grande competenza per essere custodito e trasmesso.

Per questo nel 2004 ha fondato con alcuni amici ADeMaThè – oggi Associazione Italiana Tè e Infusi (AssoTè) – la prima associazione del Tè in Italia, oggi unica associazione professionale di categoria a livello nazionale. Nell’ultima edizione dell’International Black Tea Tasting Competition, Bertona ha avuto una grande soddisfazione: il Tè Nero del Verbano si è aggiudicato il Gold Award per la categoria dei Tè neri, sbaragliando un centinaio di candidati provenienti dai maggiori paesi produttori, un onore che non era mai toccato all’Italia.

Il Tè Nero del Verbano è nato dalla collaborazione tra Bertona, che nell’ambiente è soprannominato “l’Alchimista del Tè italiano” e il floricultore verbanese Paolo Zacchera che, per avviare la sua piantagione ha usufruito del supporto di AssoTè.

In ragione della loro competenza, Bertona e la sua Associazione stanno ricevendo diverse richieste sulla dilagante emergenza sanitaria e sulle modalità di contagio. “Sulla base delle indicazioni diffuse dalla German Federal Institute for Risk Assessment (BfR) in data 3 febbraio” – spiega – “Al momento non ci sono casi che hanno mostrato alcuna evidenza di infezione negli esseri umani del nuovo tipo di coronavirus attraverso il consumo di alimenti contaminati o giocattoli importati. Non ci sono inoltre segnalazioni di altri coronavirus riguardanti infezioni dovute a cibo o contatto con superfici asciutte. La trasmissione attraverso superfici che sono state recentemente contaminate da virus è comunque possibile attraverso infezioni da sbavature. Tuttavia, ciò è probabile che si verifichi solo per un breve periodo dopo la contaminazione, a causa della stabilità relativamente bassa dei coronavirus nell’ambiente”.

Cosa sappiamo finora del nuovo tipo di malattie respiratorie correlate al virus?

“Il nuovo tipo di malattia respiratoria si basa su un’infezione con il nuovo tipo di coronavirus (2019-nCoV), secondo lo stato attuale delle conoscenze. Le informazioni sugli esatti metodi di trasmissione di questo coronavirus sono ancora limitate. Tuttavia, le vie di trasmissione di altri coronavirus strettamente correlati sono ben note. Diversi tipi di coronavirus in genere scatenano sintomi di un comune raffreddore negli esseri umani. Inoltre, in passato si sono verificati altri coronavirus, come i coronavirus SARS e MERS, che hanno portato a gravi malattie respiratorie. I principali organi bersaglio del coronavirus negli esseri umani sono gli organi del tratto respiratorio. La via di trasmissione più importante è un ‘”infezione da goccioline”, in cui i coronavirus vengono emessi negli esseri umani attraverso le goccioline e quindi inalati. Diversi agenti patogeni del tratto respiratorio possono anche essere trasmessi attraverso infezioni da striscio. In questi casi, i patogeni situati sulle mani entrano nelle mucose del naso o degli occhi, dove possono portare a un’infezione”.

Le merci importate da regioni in cui la malattia si è diffusa possono essere fonti di infezione negli esseri umani?

“A causa dei metodi di trasmissione finora registrati e della stabilità ambientale relativamente bassa dei coronavirus, è improbabile che beni importati come alimenti importati o beni di consumo e giocattoli, strumenti, computer, vestiti o scarpe possano essere fonte di un’infezione con il nuovo tipo di coronavirus, secondo lo stato attuale delle conoscenze”.

Come possiamo proteggerci dall’infezione del virus attraverso cibo e prodotti?

“Sebbene sia improbabile che il virus venga trasmesso attraverso alimenti contaminati o prodotti importati, è necessario osservare le norme generali di igiene quotidiana, come il normale lavaggio delle mani e le norme igieniche per la preparazione degli alimenti durante la manipolazione. Poiché i virus sono sensibili al calore, il rischio di infezione può essere ulteriormente ridotto riscaldando gli alimenti”.

I coronavirus possono sopravvivere e rimanere infettivi su superfici fisse e asciutte, al di fuori di organismi umani o animali?

“La stabilità dei coronavirus nell’ambiente dipende da diversi fattori, quali la temperatura, l’umidità dell’aria e le condizioni superficiali, nonché i ceppi di virus specifici e la quantità di virus. In generale, i coronavirus umani non sono particolarmente stabili su superfici asciutte. L’inattivazione in condizioni asciutte si verifica generalmente entro un periodo compreso tra alcune ore e alcuni giorni. Tuttavia, al momento non esistono ancora dati più specifici sul nuovo coronavirus (2019-nCoV)”.

I lavoratori portuali, i lavoratori delle compagnie di trasporto che movimentano container o quelli che si occupano dell’ulteriore lavorazione di semilavorati, componenti o altri prodotti prefabbricati importati dalla Cina, possono essere infettati dal nuovo tipo di agente patogeno?

“A causa della bassa stabilità ambientale dei coronavirus, una trasmissione del patogeno tramite questo metodo sembra improbabile nella maggior parte dei casi”.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.