Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 00:47
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

“Se i contagi aumentano, mezza Italia in zona gialla”. Le 7 regioni a rischio

Immagine di copertina

Continua ad aumentare la curva dei contagi in Italia, spinta dalla variante Delta. E il rischio è che alcune Ragioni raggiungano tra pochi giorni il parametro dei 50 casi ogni 100mila abitanti, tornando così alla zona gialla. Uno scenario che divide gli esperti sui nuovi criteri per stabilire il cambio di colore. Se, infatti, secondo alcuni bisognerebbe prendere in considerazione il tasso di ospedalizzazione e non solo il numero di casi per decidere l’ingresso in una zona più alta di rischio – il 20 per cento di terapia intensive occupate – per altri è importante guardare al numero di vaccinati in ogni Regione, prevenendo sul nascere la possibilità che gli ospedali si intasino.

“Se l’accelerazione dei contagi divenisse esponenziale i rischi di ingresso in zona gialla crescerebbero proporzionalmente”, ha dichiarato a La Stampa Americo Cicchetti, direttore di Altems (Alta scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitar) e dell’Università Cattolica. “Alla luce di una progressione diseguale del piano vaccinale anche le soglie per l’ingresso nelle zone di rischio devono essere modificate. Per questo abbiamo sviluppato una metodologia che fissa nuove e più alte soglie di incidenza dei casi per determinare l’ingresso nelle fasce di rischio, calcolate sulla base delle quote di popolazione immunizzata, poco suscettibile a sviluppare forme severe di malattia”, ha aggiunto.

Una simulazione della Cattolica mostra che, con una crescita via via più alta dei contagi, sette Regioni (mezza Italia) si tingerebbero di giallo entro tre settimane: la Sardegna avrebbe il 72 per cento di probabilità di passare in zona gialla tra una settimana e la certezza tra due. La Sicilia il 53 per cento tra una settimana, mentre il Veneto il 45 per cento di rischio di cambiare colore in sette giorni. Le altre Regioni a rischio sono il Molise, l’Alto Adige e la Lombardia.

Ma considerando la popolazione vaccinata anche con una sola dose e i guariti dal Covid, “pesando” cioè il parametro dei contagi in rapporto alla percentuale di immunizzati – spiega il quotidiano – l’asticella che fa scattare il primo livello di restrizioni si alzerebbe, passando da 50 a oltre 70 casi settimanali per 100mila abitanti, a seconda delle Regioni: il Lazio e la Puglia tra quelle che ritarderebbero di più l’ingresso in fascia gialla, ma anche Lombardia, Emilia Romagna e Piemonte. La zona gialla in queste Regioni scatterebbe comunque prima di quanto non accadrebbe basandosi solo sul tasso di occupazione delle terapie intensive: un parametro che ritarderebbe l’entrata in vigore di misure restrittive permettendo al virus di circolare liberamente troppo a lungo.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Pescara, 51enne sequestrata e seviziata nello sgabuzzino del palazzo: è caccia all’uomo
Cronaca / Roma, vicino lo sgombero di Casapound: Raggi annuncia “novità”
Cronaca / Migranti, crisi in Tunisia può aumentare gli sbarchi. Procuratore antimafia segnala “rischio terrorismo”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Pescara, 51enne sequestrata e seviziata nello sgabuzzino del palazzo: è caccia all’uomo
Cronaca / Roma, vicino lo sgombero di Casapound: Raggi annuncia “novità”
Cronaca / Migranti, crisi in Tunisia può aumentare gli sbarchi. Procuratore antimafia segnala “rischio terrorismo”
Cronaca / 15 morti e 5.696 casi nell'ultimo giorno: calano le terapie intensive
Cronaca / Tutte le balle che circolano sui vaccini
Cronaca / Morte Libero De Rienzo, arrestato l’uomo sospettato di aver venduto eroina all’attore
Cronaca / Pfizer, i ricavi del vaccino aumentano a 33,5 miliardi di dollari
Cronaca / “Legati, presi a calci e ricattati”: i verbali shock sul caso dei lavoratori di Grafica Veneta
Cronaca / “Vaccinatevi o a casa senza stipendio”: la lettera dell’azienda Sterilgarda ai dipendenti
Cronaca / Covid, 11enne morta a Palermo. La madre: “Non siamo no vax. Non abbiamo fatto in tempo a vaccinarci”