Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:20
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Vieta alla figlia di mangiare: “Sei grassa, dimagrisci”. Mamma allontanata da casa

Immagine di copertina

Impediva letteralmente alla figlia di mangiare. E, a tavola, la insultava continuamente, non perdendo occasione di ricordarle quanto fosse “grassa”.

Non solo. Ogni giorno la denigrava, addirittura la picchiava, per farle capire che non doveva mai e poi mai mangiare fuori da casa. Gli unici pasti consentiti erano quelli, extra-light, preparati da lei.

La vittima è una ragazza di 16 anni. Un vero e proprio massacro, psicologico e, a volte, anche fisico. E se il peso della ragazza aumentava di qualche etto, l’ira della donna diventava incontenibile.

>>> C’è vita dopo l’anoressia: la storia di Connie

Eppure la figlia, alta un metro e 72 centrimetri, pesava meno di 50 chili. Quello era però il limite massimo di peso che la ragazza poteva raggiungere.

>>> Come mi sono ridotta a pesare 37 chili, divorata dall’anoressia

A porre fine ai maltrattamenti è stata la zia paterna, che ha denunciato la cognata alla polizia di Como. Da qui è scattata l’inchiesta, portata avanti dalla Squadra mobile della città lombarda, per i gravi disturbi della giovane.

Più volte la ragazza ha infatti accusato svenimenti, anche a scuola, e la scomparsa del ciclo. Era, infatti, al limite dell’anoressia.

>>> Com’ero e come sono oggi dopo aver sconfitto l’anoressia: la storia di Emelle

La donna, 47 anni, è ora stata allontanata dalla casa familiare con l’accusa di maltrattamenti aggravati, con il divieto assoluto di avvicinare la figlia in ogni luogo da lei frequentato, e di cercare di contattarla con qualunque mezzo.

>>> Sei consigli per aiutare qualcuno che soffre di disturbi alimentari
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Vercelli, drogano la figlia di 13 anni e la costringono a prostituirsi
Cronaca / Caro bollette: gli hotel fanno prezzi folli ma non è solo colpa del gas
Cronaca / Bonus 200 euro per autonomi, da domani via alle domande
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Vercelli, drogano la figlia di 13 anni e la costringono a prostituirsi
Cronaca / Caro bollette: gli hotel fanno prezzi folli ma non è solo colpa del gas
Cronaca / Bonus 200 euro per autonomi, da domani via alle domande
Cronaca / Roma, giovane straniero linciato dalla folla: “Si è denudato di fronte a una minore”
Cronaca / “Torneremo a girare in vespa e a tirar baci”: l’addio del papà al piccolo Mattia
Cronaca / Rovigo, fa sesso con l’amica svenuta e l’abbandona sul ciglio della strada: 27enne condannato
Cronaca / Bologna, caro bollette e affitti pazzi: “Così noi studenti rischiamo di non poterci laureare”
Cronaca / “Non voglio un figlio malformato, è mio diritto abortire e non seppellirlo”: la seconda parte dell’inchiesta sull’aborto
Cronaca / Mercalli a TPI: “Marche? Era impossibile prevedere”
Cronaca / Saman Abbas, il racconto del cugino indagato: “Uccisa con una corda e gettata nel Po”