Covid ultime 24h
casi +18.916
deceduti +280
tamponi +323.047
terapie intensive +22

Vieta alla figlia di mangiare: “Sei grassa, dimagrisci”. Mamma allontanata da casa

Di Giovanni Macchi
Pubblicato il 18 Mar. 2019 alle 16:31 Aggiornato il 18 Mar. 2019 alle 16:31
0
Immagine di copertina

Impediva letteralmente alla figlia di mangiare. E, a tavola, la insultava continuamente, non perdendo occasione di ricordarle quanto fosse “grassa”.

Non solo. Ogni giorno la denigrava, addirittura la picchiava, per farle capire che non doveva mai e poi mai mangiare fuori da casa. Gli unici pasti consentiti erano quelli, extra-light, preparati da lei.

La vittima è una ragazza di 16 anni. Un vero e proprio massacro, psicologico e, a volte, anche fisico. E se il peso della ragazza aumentava di qualche etto, l’ira della donna diventava incontenibile.

>>> C’è vita dopo l’anoressia: la storia di Connie

Eppure la figlia, alta un metro e 72 centrimetri, pesava meno di 50 chili. Quello era però il limite massimo di peso che la ragazza poteva raggiungere.

>>> Come mi sono ridotta a pesare 37 chili, divorata dall’anoressia

A porre fine ai maltrattamenti è stata la zia paterna, che ha denunciato la cognata alla polizia di Como. Da qui è scattata l’inchiesta, portata avanti dalla Squadra mobile della città lombarda, per i gravi disturbi della giovane.

Più volte la ragazza ha infatti accusato svenimenti, anche a scuola, e la scomparsa del ciclo. Era, infatti, al limite dell’anoressia.

>>> Com’ero e come sono oggi dopo aver sconfitto l’anoressia: la storia di Emelle

La donna, 47 anni, è ora stata allontanata dalla casa familiare con l’accusa di maltrattamenti aggravati, con il divieto assoluto di avvicinare la figlia in ogni luogo da lei frequentato, e di cercare di contattarla con qualunque mezzo.

>>> Sei consigli per aiutare qualcuno che soffre di disturbi alimentari

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.