Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Civitanova Marche, la fidanzata dell’aggressore: “Era sporco di sangue. Mi ha detto: andiamo via, ho picchiato uno”

Immagine di copertina

Gli ha urlato: “Cosa hai fatto? Che hai combinato?” quando ha visto arrivare il compagno, Filippo Ferlazzo, sporco di sangue con in mano un telefono che non era il suo. A raccontarlo è Elena D., 45 anni, la fidanzata dell’aggressore che a Civitanova Marche ha ucciso Alika colpendolo prima con la stampella e poi a mani nude. “Lui mi ha risposto piano all’orecchio, quasi sussurrando: “andiamo, ho picchiato uno” – ha detto la donna, come si legge sul Corriere della Sera – Io ferma là in Corso Umberto I davanti a quell’uomo per terra che i medici stavano cercando disperatamente di rianimare. Pregavo dentro di me che si risvegliasse, ma poi ho capito che non c’era più niente da fare”.

Elena, che è di Civitanova e viveva con Filippo da qualche mese, ha ricostruito i tragici momenti di venerdì 29 luglio davanti alla polizia. Ha spiegato che lei e il compagno hanno incontrato Alika a duecento metri dal luogo dell’aggressione. “Quel signore con la stampella è venuto verso di noi e ci ha chiesto dei soldi, mi ha preso per un braccio. Ma lì per lì non è successo niente, io mi sono divincolata senza problemi, non ero affatto sconvolta e così siamo andati avanti per la nostra strada, fino a un negozio di abbigliamento”, ha raccontato la donna agli investigatori, come si legge ancora sul Corriere. Filippo però sarebbe rimasto fuori, secondo la testimonianza, e quando Elena è uscita per chiamarlo perché aveva trovato il modello di pantaloni che cercavano per lui, era ormai scomparso. Era tornato indietro per aggredire Alika.

La donna ha anche raccontato: “(Filippo ndr) Non tollerava l’idea che qualcuno o qualcosa potesse farmi del male. Questo però ingenerava a volte la sua aggressività, la sua iracondia. Ma mai fino a questo punto”.

 

 

 

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Bimbo ucciso in bici a Milano, arrestato il pirata della strada. Guidava senza patente, sotto effetto di droga e con gamba ingessata
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Nubifragi e trombe d’aria al Centro-Nord. Due morti in Toscana. Protezione civile riunisce unità di crisi
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Bimbo ucciso in bici a Milano, arrestato il pirata della strada. Guidava senza patente, sotto effetto di droga e con gamba ingessata
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Nubifragi e trombe d’aria al Centro-Nord. Due morti in Toscana. Protezione civile riunisce unità di crisi
Cronaca / Latina, mamma di 26 anni muore in discoteca. Aveva due figli
Cronaca / Imprenditore riceve una bolletta del gas da quasi un milione di euro: “Era meglio andare al mare”
Cronaca / Tragedia a Senigallia: padre e figlio muoiono travolti da un treno
Cronaca / Violento incendio a Pantelleria: turisti in fuga e case evacuate
Cronaca / Anzio, uomo picchia la moglie. La figlia di 10 anni chiama il 112
Cronaca / Il re di TikTok Khaby Lame ha ricevuto la cittadinanza italiana: “Sono molto orgoglioso”
Cronaca / Fanno surf nel Canal Grande, il sindaco di Venezia: "Una cena a chi individua i due imbecilli"