Covid ultime 24h
casi +17.455
deceduti +192
tamponi +257.024
terapie intensive +15

Caso Vannini, Ciontoli: “Non accetterei la condanna della Cassazione”. L’anteprima dell’intervista su Nove

Di Redazione TPI
Pubblicato il 22 Gen. 2021 alle 06:59 Aggiornato il 22 Gen. 2021 alle 15:00
161
Immagine di copertina

Antonio Ciontoli ha deciso di rilasciare la sua seconda intervista da quella notte del 17 maggio 2015 in cui sparò a Marco Vannini, provocandone la morte. E questa volta non è sua intenzione ripercorrere le vicende processuali, ma tutto ciò che è accaduto in questi anni fuori dalle aule di tribunale: le ricostruzioni fantasiose dei programmi tv, le accuse ai figli sui quali si è detto di tutto (perfino che abbiano sparato loro a Marco), le persecuzioni dei giornalisti, le intromissioni della politica nel caso e molto altro, confessando la sua paura che la famiglia paghi un prezzo troppo alto e ingiusto per le sue colpe.

Alla fine dell’intervista, rimane un interrogativo: perché su questa famiglia si è scatenato un odio senza precedenti, mai riservato neppure a serial killer come Gianfranco Stevanin, che ha rilasciato recentemente una lunga intervista dal carcere di Bollate? Perché se Antonio Ciontoli concede un’intervista si scatena su di lui e su chi lo intervista un’onda di indignazione come se fosse la prima volta che a un colpevole venisse concesso il diritto di dire la sua verità in tv?

La risposta, forse, è proprio nella direzione in cui va ad indagare questa intervista: i processi mediatici dipingono i colpevoli più di quelli che si svolgono nelle aule di tribunale. Con tutte le storture e i corto circuiti drammatici del caso. L’intervista ad Antonio Ciontoli andrà in onda domani sabato 23 gennaio alle ore 21,25 sul canale Nove.

Qui un’anteprima dell’intervista:

Leggi anche: Sul caso Vannini non difendo i Ciontoli ma la verità (di Selvaggia Lucarelli)

161
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.