Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Catania, uccide la moglie a coltellate e poi tenta il suicidio: avevano l’udienza di separazione

Immagine di copertina

Ennesimo caso di femminicidio. Questa volta la tragedia è avvenuta in provincia di Catania, dove un 47enne ha ucciso a coltellate la moglie di 46 prima di rivolgere l’arma contro se stesso, colpendosi all’addome, nel tentativo di togliersi la vita. È avvenuto nella giornata di ieri a Bronte, nel giorno dell’udienza di separazione della coppia. L’uomo è stato ricoverato nell’ospedale Cannizzaro di Catania. La vittima, Ada Rotini, colpita alla gola, lavorava come badante.

Ancora in corso le indagini per ricostruire l’accaduto. Il matrimonio tra l’uomo, Filippo Asero, e Ada Rotini è durato appena un anno. L’omicida l’ha colpita decine di volte con un coltello, quasi sgozzandola. La violenta aggressione è avvenuta davanti alla casa in cui avevano abitato insieme, in via Boscia, alla periferia del paese etneo famoso per il suo prezioso pistacchio.

La vittima era andata a prendere degli effetti personali ed era in compagnia della sorella e dell’anziano per cui lavorava come badante, i quali sono rimasti ad aspettarla in auto. Ci sarebbe stato un tentativo di Asero di riconciliazione, respinto dalla moglie. A quel punto l’uomo l’ha aggredita con violenza: sul corpo della donna ci sarebbero circa trenta coltellate. L’anziano, sceso dall’auto, ha tentato di fermare l’omicida, ma è stato ferito a un braccio. Poi Asero ha tentato di togliersi la vita, rivolgendo più volte contro se stesso l’arma. Il coltello gli è stato estratto dai medici nell’ospedale Cannizzaro di Catania, dove è stato trasportato in elicottero e sottoposto ad un delicato intervento. Non è considerato in pericolo di vita ed è ricoverato nel reparto di Chirurgia. Ulteriori elementi potrebbero essere forniti dalle telecamere di sicurezza di un privato che abita nella zona del delitto.

Asero il 10 dicembre del 2001 era stato arrestato dai carabinieri della compagnia di Randazzo per l’omicidio di Sergio Gardani, 32 anni, ucciso tre giorni prima in un agguato a Bronte che, secondo l’accusa, era maturato nell’ambito di una lotta interna a un clan locale per il controllo delle estorsioni e del traffico di sostanze stupefacenti. Condannato all’ergastolo il 28 ottobre del 2003 in primo grado dalla Corte d’assise di Catania, Asero era stato poi assolto con formula piena per non avere commesso il fatto.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 3.099 casi e 44 morti: tasso di positività all'1%
Cronaca / Regeni, commissione d’inchiesta in missione a Cambridge
Cronaca / Covid, oggi 3.525 casi e 50 morti: tasso di positività all'1%
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 3.099 casi e 44 morti: tasso di positività all'1%
Cronaca / Regeni, commissione d’inchiesta in missione a Cambridge
Cronaca / Covid, oggi 3.525 casi e 50 morti: tasso di positività all'1%
Cronaca / 3.797 nuovi casi e 52 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività all'1,4%
Cronaca / Trovato morto Giacomo Sartori, il 29enne scomparso una settimana fa a Milano
Cronaca / A chi esulta per Dell’Utri do una notizia: non è stato assolto dalle condanne precedenti
Cronaca / Rilasciato l’ex presidente catalano Puigdemont: era stato arrestato in Sardegna
Cronaca / È arrivato il numero 2 del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / 4.061 nuovi casi e 63 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività all'1,3%
Cronaca / Draghi all’assemblea di Confindustria: “Il green pass è strumento di libertà, no a nuove tasse”