Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:37
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Caso Siri: un’intercettazione di Arata, confermata dai Nicastri, mette nei guai l’ex sottosegretario della Lega

Immagine di copertina

Nuove rivelazioni sul parlamentare del Carroccio indagato per corruzione

Caso Siri: l’ex sottosegretario della Lega inchiodato dai Nicastri

Armando Siri, l’ex sottosegretario della Lega indagato per corruzione, è accusato dai Nicastri di aver avuto un accordo con Paolo Arata, consulente della Lega per l’energia arrestato per corruzione lo scorso 12 giugno, per intascare 30mila euro in cambio dell’approvazione di un provvedimento sull’energia rinnovabile in Sicilia.

A confermarlo sono proprio i Nicastri: Vito, “re” dell’eolico ritenuto vicino ai clan mafiosi, e suo figlio Manlio.

Secondo quanto ricostruito da La Repubblica, i due avrebbero confermato la promessa di Arata a corrispondere una tangente di 30mila euro.

A confermarlo ci sarebbe un’intercettazione, effettuata dalla Dia di Trapani, in cui Arata dice a suo figlio e al figlio di Nicastri: “Gli do 30mila euro perché sia chiaro tra di noi. L’emendamento passa, Siri ci lavora un secondo per guadagnare 30mila euro”.

L’intercettazione è stata fatta sentire al figlio di Nicastri, il quale, dopo una iniziale titubanza nel collaborare con gli inquirenti, ha confermato che: “C’ero pure io quella sera. Siri non è stato pagato, ma Arata mi disse di avergli promesso 30 mila euro se l’emendamento fosse passato”.

Ascoltato dai magistrati, Vito Nicastri ha confermato tutto. “All’epoca stavo in carcere, era mio figlio che parlava con Arata. E mio figlio mi ha detto che Arata avrebbe fatto un regalo a Siri se l’emendamento fosse passato”.

Nicastri, poi, ha riferito di aver corrotto anche alcuni dirigenti della Regione Sicilia per sbloccare alcune pratiche.

Armando Siri, il cui incarico da sottosegretario era stato revocato dal premier Conte dopo un lungo braccio di ferro tra Lega e M5S in seguito all’indagine per corruzione nei suoi confronti (qui il riassunto della vicenda), continua a essere al centro della scena politica del Carroccio.

Il caso Siri: un riassunto di quello che è successo dopo che il sottosegretario leghista è stato indagato per corruzione

Ha fatto discutere e infuriare i 5 Stelle, infatti, il suo recente coinvolgimento nell’incontro che Salvini ha tenuto al Viminale con le sigle sindacali, a cui Siri ha partecipato in veste di esperto di politiche fiscali.

Certo è che, dopo le ultime rivelazioni, la sua posizione, comincia a essere ingombrante specialmente per il leader della Lega, che ha sempre difeso il suo parlamentare.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Udine, ultraleggero precipita in un bosco. Morto il passeggero
Cronaca / Genova, morto un giovane travolto da un’auto dentro un garage
Cronaca / Merano, alternanza scuola-lavoro: ragazzo di 17 anni si ustiona gravemente in officina
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Udine, ultraleggero precipita in un bosco. Morto il passeggero
Cronaca / Genova, morto un giovane travolto da un’auto dentro un garage
Cronaca / Merano, alternanza scuola-lavoro: ragazzo di 17 anni si ustiona gravemente in officina
Cronaca / Genova, cade in mare con l’auto di servizio: morto dipendente dell’aeroporto
Cronaca / L’Aquila, la zia di Tommaso: “Non c’è colpa, né voglia di giustizia”
Cronaca / I genitori del piccolo Tommaso si dovevano sposare: “Non ci sarà nessun matrimonio”
Cronaca / Riceve bolletta da 33mila euro, 75enne colpita da un malore: ora la prima vittoria in tribunale
Cronaca / L’Aquila, la conducente dell’auto: “Errore umano, marcia tolta inavvertitamente”
Cronaca / Benvenuti nella Kaliningrad italiana: così gli oligarchi russi si sono radicati in Toscana
Cronaca / “Giù le mani dagli alpini. Se siete lesbiche non rompete i co****ni”: insulti alla consigliera delle pari opportunità di Roma