Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:10
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Confessioni di un pentito: ecco perché la ‘Ndrangheta c’entra con via Fani

Immagine di copertina

Il collaboratore di giustizia Filippo Barreca riconosce il boss Antonio Nirta, detto “due nasi”, in una foto scattata il giorno della strage di via Fani sul luogo del rapimento di Aldo Moro

Esponente di punta della Ndrangheta con il grado di Santa” (cerniera fra massoneria, politica e criminalità organizzata), Filippo Barreca inizia a collaborare con la giustizia nel 1992. Le sue dichiarazioni contribuiscono a far venire alla luce intrecci tra esponenti del mondo politico, criminale e del terrorismo. Ad esempio, riferisce del ruolo di Paolo Romeo, ex parlamentare Psdi (Partito socialdemocratico) già condannato per concorso esterno con la Ndrangheta, e del suo legame con Gladio. Nel 2021 Romeo ammetterà il suo ruolo nella fuga di Franco Freda, ex Ordine Nuovo, che, allepoca (1979) era sotto processo a Catanzaro per la strage di piazza Fontana. Fu Barreca a far arrestare Freda: «Dormì a casa mia e io collaborai segretamente con le autorità, ma restando ai vertici della cosca: per questo tentarono di uccidermi», riferirà il collaboratore.

Nel 2016 il giudice Guido Salvini, allora in supporto alla Commissione Moro II, convoca Barreca per rispondere a domande relative ai rapporti tra Br e Ndrangheta. Durante il colloquio il collaboratore di giustizia riferisce ciò che gli aveva raccontato il boss Rocco Musolino, appartenente all’élite dellorganizzazione, a proposito dellagente Rocco Gentiluomo, capo scorta tecnico di Moro.

Nel giorno della strage di via Fani, Gentiluomo avrebbe dovuto accompagnare il presidente della Dc, ma ottenne un permesso per motivi personali, venendo sostituito dallagente Francesco Zizzi, che rimarrà ucciso nellagguato.

Gentiluomo era originario di Sant’Eufemia dAspromonte, che, come spiega nel verbale Barreca, faceva parte di una zona dominata da un gruppo di famiglie che agivano in piena sintonia: senza il loro permesso nulla si muoveva. Secondo Barreca, Musolino gli avrebbe riferito che Gentiluomo era stato salvato.

I verbali in cui il collaboratore racconta queste vicende non sono secretati, per cui non si comprende come mai la Commissione Moro non li abbia inclusi nella documentazione a disposizione. 

Inoltre Barreca riconosce nella foto delluomo che fuma in via Fani il boss Antonio Nirta, detto due nasi”, che lui conosceva molto bene.

Quanto ai rapporti fra Br e Ndrangheta, Barreca afferma che «linvio dei terroristi nel carcere calabrese di Palmi era indirizzato a voler dare un messaggio: un controllo da parte della Ndrangheta, da parte di quella struttura che controllava le stesse Br».

Dopo anni di collaborazione con la giustizia – durante i quali era anche stato ucciso suo fratello – nel 2009 il rapporto fra Barreca e lo Stato si complica a causa dellapplicazione retroattiva di una norma del 2004 che prevede il travaso di precedenti penali dalla vecchia identità alla nuova, di cui con la famiglia godeva dal 1995.

Gli vengono così attribuiti i reati commessi prima della collaborazione con la giustizia: è costretto a trasferire a terzi attività economiche e patrimonio, il suo certificato elettorale e i suoi fidi vengono revocati. Secondo Barreca, ciò segna linizio della fine del suo patto con la sua giustizia.
Continua a leggere sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui

Ti potrebbe interessare
Cronaca / L’influencer Elena Berlato aggredita e rapinata a Milano: “Sono finita in ospedale”
Cronaca / Gino Cecchettin: "Dopo la morte di Giulia volevo vendicarmi di Turetta"
Ambiente / Generali apre alla comunità l’Oasi Gregoriana affiliata al WWF, un’area naturalistica e agricola ricca di biodiversità
Ti potrebbe interessare
Cronaca / L’influencer Elena Berlato aggredita e rapinata a Milano: “Sono finita in ospedale”
Cronaca / Gino Cecchettin: "Dopo la morte di Giulia volevo vendicarmi di Turetta"
Ambiente / Generali apre alla comunità l’Oasi Gregoriana affiliata al WWF, un’area naturalistica e agricola ricca di biodiversità
Cronaca / Autovelox non omologati, la Cassazione accoglie il ricorso: multa non valida
Cronaca / Premio Guido Carli: la festa dell’eccellenza italiana
Cronaca / Milano, violenze e torture nel carcere minorile Beccaria: arrestati 13 agenti penitenziari, altri 8 sospesi
Cronaca / Salerno, bambino di 15 mesi muore azzannato da due pittbull
Cronaca / Neve a bassa quota e gelo artico, torna l'inverno sull'Italia
Cronaca / Navigatore solitario disperso in mare tra Grecia e Italia: salvato dalla Guardia Costiera
Cronaca / Omicidio Mollicone, la testimone: “Serena ha litigato con un ragazzo il giorno della scomparsa”