Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:48
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Esclusivo TPI – Ecco le ultime rivelazioni che provano il coinvolgimento di ’Ndrangheta e Cia nel caso Moro

Immagine di copertina
Credit: Ansa

Un boss della ’Ndrangheta dal sinistro soprannome di "due nasi". Un legionario calabrese creduto morto, ma in realtà tenuto nascosto per anni. Un misterioso criminologo americano inviato a Roma dagli Usa e ufficialmente mai tornato in patria. Ecco le questioni irrisolte dietro i misteri che ancora oggi ruotano intorno al rapimento e all'omicidio dello statista della Dc

Quel 16 marzo 1978, il giorno della strage e in cui venne sequestrato Aldo Moro, in via Fani a Roma cerano delle persone che per quarantanni sono misteriosamente scomparse da ogni ricostruzione o documentazione.

Un boss della Ndrangheta con il sinistro soprannome di due nasi”. Un legionario calabrese, creduto morto ma di cui in realtà si sono perse le tracce. Un ufficiale dei carabinieri, membro dei servizi segreti e di Gladio, che sosteneva di trovarsi lì per un pranzo da un conoscente.

Non solo, tra i membri del comitato istituito dal ministero dellInterno dopo il sequestro per rintracciare e liberare Moro, cera anche un super esperto: uno psichiatra americano di origini polacco-francesi, inviato a Roma dagli Usa (su richiesta del ministro Francesco Cossiga) che ha dichiarato di aver lavorato per uccidere il presidente della Dc e mai ufficialmente ripartito. La Procura di Roma lo ha interrogato, ma non lo ha mai perseguito.

E infine un ultimo elemento inquietante. In una palazzina appartenente alla banca vaticana dello Ior in via dei Massimi a Roma – nel cui cortile Moro fu trasferito da unauto allaltra per agevolare la fuga dopo il rapimento – abitavano un incredibile e sorprendente mix di inquilini: lamante del leader di Autonomia Franco Piperno, due persone che avrebbero ospitato il latitante ed ex sequestratore delle Brigate Rosse (Br) Prospero Gallinari, alti prelati, finanzieri libici, esponenti tedeschi della sinistra extra-parlamentare e, tra gli altri, lì aveva anche sede una società statunitense attiva in campo militare e di intelligence, e il Secret Team, struttura anti-comunista formata da appartenenti ai servizi americani collegata alla Cia.

Sono questi gli elementi più clamorosi di un puzzle ancora difficile da comporre sul caso Moro nonostante lindagine dellultima commissione dinchiesta parlamentare presieduta da Giuseppe Fioroni. Tessere mancanti che però, per vari motivi, non sono state a fondo indagate o che non compaiono affatto nella relazione finale.

È da questo più complesso quadro che – grazie a fatti nuovi, testimonianze di magistrati e collaboratori, documenti inediti – oltre al ruolo delle Br, nel sequestro Moro, emerge sempre più insistente anche il coinvolgimento di Ndrangheta e Cia, una struttura riservata composta da alta criminalità organizzata, massoneria, servizi segreti, eversione e il ruolo di società aderenti ai servizi di sicurezza americani…
Continua a leggere l’articolo sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Milano, uccisero padre violento: fratelli condannati in appello bis
Cronaca / Mattia Giani, si indaga per omicidio colposo per il calciatore morto in campo
Cronaca / Malore sul volo Torino-Lamezia: morto un 35enne
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Milano, uccisero padre violento: fratelli condannati in appello bis
Cronaca / Mattia Giani, si indaga per omicidio colposo per il calciatore morto in campo
Cronaca / Malore sul volo Torino-Lamezia: morto un 35enne
Cronaca / Caso Ferragni-Balocco, l'Antitrust: "Commistione tra beneficenza e sponsor"
Cronaca / Meteo, addio al caldo: tornano i temporali, freddo e neve
Cronaca / Roma, il mercatino dei libri abbadonato a se stesso: degrado a pochi passi dalla stazione Termini | VIDEO
Cronaca / Torino, stop al fumo all’aperto: sigarette vietate a meno di 5 metri dalle altre persone
Cronaca / Ponte sullo Stretto: i dubbi del ministero dell’Ambiente, chieste integrazioni
Cronaca / Rissa sul volo Napoli-Ibiza, due donne si strappano i capelli e urlano | VIDEO
Cronaca / Mattia Giani morto dopo il malore in campo, il papà: “Non c’erano medici, ambulanza in ritardo e nessuno usava il defibrillatore”