Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:09
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Cannabis, primo via libera della Camera alla coltivazione in casa

Immagine di copertina

Cannabis, primo via libera della Camera alla coltivazione in casa

La depenalizzazione della coltivazione della cannabis ha fatto un passo in avanti oggi, con l’approvazione da parte della commissione Giustizia della Camera del testo base di una legge che consente di coltivare non oltre 4 piante “femmine” in casa. Lo ha annunciato il presidente della commissione Mario Perantoni (M5s), anche relatore del provvedimento, che depenalizza i reati considerati “di lieve entità”. La proposta dà la possibilità di sostituire la pena del carcere con i lavori socialmente utili nel caso il reato di produzione o spaccio di cannabis sia commesso da una persona tossicodipendente.  Invece per i reati connessi a traffico, spaccio e detenzione ai fini di spaccio della cannabis, le pene aumenterebbero da 6 a dieci anni.

“Un risultato importante, ottenuto sulla scia della giurisprudenza della Corte di Cassazione ma anche grazie alla capacità dei gruppi parlamentari di confrontarsi e trovare una sintesi ragionevole”, ha detto Perantoni.

Il testo, la sintesi di tre proposte depositate rispettivamente da +Europa, M5s e Lega, arriverà all’aula della Camera solo dopo la discussione degli emendamenti che saranno presentati in commissione entro un termine ancora da fissare.

A favore del provvedimento si sono schierati Movimento 5 Stelle, Partito democratico e Liberi e uguali, oltre al radicale Riccardo Magi, che ha promosso una delle proposte confluite nel testo base. Italia viva si è astenuta mentre hanno votato contro Lega, Fratelli d’Italia, Coraggio Italia e Forza Italia, con l’eccezione di Elio Vito. L’ex radicale, che si è schierato a favore anche del disegno di legge Zan contro l’omotransfobia e negli scorsi giorni e ha criticato Matteo Salvini e Giorgia Meloni,  in tweet ha ringraziato il gruppo parlamentare forzista per aver avuto “l’opportunità di manifestare il mio voto favorevole, in coerenza con la mia storia e le mie convinzioni radicali ed antiproibizioniste”.

“Ora è urgente individuare un percorso rapido e certo per garantire l’arrivo in aula”, ha detto Magi, che ha parlato di un “primo passo” verso la svolta. La Lega ha invece attaccato la proposta definendola un “preludio alla legalizzazione”, mentre Fratelli d’Italia ha annunciato che continuerà a combattere il testo.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Bari, docente aggredito in classe dopo aver messo una nota a una studentessa
Cronaca / È morta Franca Fendi, lutto nel mondo della moda
Cronaca / Listeria, batterio in tramezzini al salmone: ministero Salute richiama prodotto
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Bari, docente aggredito in classe dopo aver messo una nota a una studentessa
Cronaca / È morta Franca Fendi, lutto nel mondo della moda
Cronaca / Listeria, batterio in tramezzini al salmone: ministero Salute richiama prodotto
Cronaca / Roma, turista aggredita e violentata a Termini: a processo un 25enne
Cronaca / Tocca il seno all’alunna di 11 anni: arrestato prof delle medie. “La vicepreside sapeva ma non ha fatto nulla”
Cronaca / Bollette, continuano i maxi-rincari. Assoutenti: “Stangata da 2.942 euro all’anno a famiglia”
Cronaca / Napoli, vince 500mila euro col Vincicasa ma non ritira il premio: la scadenza è tra 6 giorni
Cronaca / Nicolò Feltrin morto a due anni, l’autopsia rivela: fu overdose da hashish
Cronaca / Roma, studente aggredito, derubato e violentato nella notte: “Erano in tre”
Cronaca / Sospeso don Giulio Mignani, il parroco di Bonassola favorevole all’aborto e alle coppie omosessuali