Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:14
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Caso Brusca, l’uomo che ha ucciso Falcone non deve marcire in carcere come raccolta indifferenziata ma ai domiciliari

Immagine di copertina
Giovanni Brusca Credit: Ansa

Brusca chiede i domiciliari e i giudici dei social vomitano odio: a cosa serve scambiare la giustizia per vendetta?

Giovanni Brusca ai domiciliari: ecco perché non dovrebbe marcire in carcere

Ogni tanto tocca essere impopolari se il pensiero dominante è contro la Costituzione ed è contro i principi fondanti della nostra Repubblica: scambiare per vendetta la giustizia è un esercizio retorico che porta evidentemente voti (quelli soliti, quelli incazzati, quelli indignati, quelli che vedono la propria realizzazione e la propria sicurezza nella demolizione degli altri ritenuti “colpevoli”) ma che non ha niente a che vedere con il sistema carcerario come inteso qui in Italia.

L’ultima miccia in ordine di tempo, accesa dai soliti noti che con il tintinnare di manette accendono l’appetito dei vendicatori italiani, sarebbe che il pluriomicida mafioso Giovanni Brusca ha fatto ricorso in Cassazione per chiedere gli arresti domiciliari: è bastato sventolare i corpi di Falcone e di Borsellino per aizzare i soliti commenti dei tanti giudici da social che strillano indignati augurando la legge del taglione.

• Brusca ai domiciliari? Il boss della strage di Capaci chiede di scontare la pena a casa

Sia ben chiaro: se Brusca abbia davvero intrapreso un processo di ravvedimento non sta a noi giudicarlo ma ai magistrati (che già due volte gli hanno negato i domiciliari) e la discussione tecnica di un’eventuale ricorso agli arresti domiciliari (perché no, non è una scarcerazione come dice qualcuno) è roba che interessa a chi di mestiere si occupa proprio di prendere queste decisioni.

Ciò che interessa piuttosto è l’utilizzo strumentale di questa notizia (che, segnatevelo, tra due anni ritornerà ancora visto che tra due anni Brusca avrà scontato la sua pena) senza nessuna cognizione: il carcere in Italia (come in tutti gli stati democraticamente evoluti) non è il luogo dove buttare la raccolta indifferenziata per sentirsi più al sicuro ma è il luogo dove lo Stato (proprio quello Stato che Falcone e Borsellino hanno difeso dando la vita) svolge il compito di recupero dei condannati.

Lo stesso ergastolo, per definizione, è un’eccezione giuridica che segna la sconfitta del senso originario del carcere. Giovanni Brusca (ma il discorso vale per tutti) non deve marcire in carcere (come grida qualcuno) semplicemente perché gli è stata comminata una condanna e la sta scontando. Punto.

Poi c’è il discorso sui pentiti: questo mito che qualcuno collabora con la giustizia solo per averne benefici è il ragionamento tipico dei mafiosi. Non basta mostrarsi contriti: la collaborazione viene vagliata e riscontrata da gente che ne sa molto di più di quello che si vomita sui social e le mani si combattono con i collaboratori non con i tweet. A proposito: lo dicevano anche Falcone e Borsellino.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Chi è Andrea Piscina, lo speaker di Rtl 102.5 arrestato per aver adescato bambini online
Cronaca / Ragusa, dà fuoco alla casa mentre la famiglia dorme: muoiono la madre e una sorella
Cronaca / Adescava bambini online fingendosi "Alessia": arrestato speaker di Rtl 102.5
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Chi è Andrea Piscina, lo speaker di Rtl 102.5 arrestato per aver adescato bambini online
Cronaca / Ragusa, dà fuoco alla casa mentre la famiglia dorme: muoiono la madre e una sorella
Cronaca / Adescava bambini online fingendosi "Alessia": arrestato speaker di Rtl 102.5
Cronaca / Lettera al sindaco di Trieste: “Sgomberare il Silos dei migranti non è la soluzione”
Cronaca / Reggio Emilia, violentava in casa la figlia della compagna: 39enne ai domiciliari
Cronaca / È uscito il nuovo numero di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Zerocalcare apre un’osteria a Roma: ecco dove sarà e quanto si pagherà
Cronaca / La madre di Saman Abbas ha accettato l’estradizione in Italia dal Pakistan
Cronaca / Aiop Giovani, Gaia Garofalo eletta Presidente Nazionale
Cronaca / Modena, va dai carabinieri col cadavere della moglie nel furgone