Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:36
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

La bimba con due mamme batte Salvini: sulla carta d’identità non c’è la dicitura “padre” e “madre”

Immagine di copertina

Bimba con due mamme | Carta identità

BIMBA CON DUE MAMME CARTA IDENTITÀ – Una bimba con due mamme sconfigge Matteo Salvini e ottiene una carta d’identità senza le diciture “padre” e “madre”, come invece era stato stabilito da una direttiva ministeriale dello scorso aprile voluta dal leader della Lega. È accaduto a Venezia. All’Ufficio Anagrafe del Comune della città capoluogo veneto, precisamente nella Municipalità di Favaro Veneto, ieri, giovedì 13 giugno, è stato consegnato un documento di riconoscimento per una piccola di sei anni con l’indicazione “Nomi dei genitori o di chi ne fa le veci”, seguita dalle generalità delle due madri, come era stato disposto nel 2015 dal governo Renzi.

Bimba con due mamme | Carta d’identità senza “padre” e “madre”

La storia è stata raccontata dal Corriere Veneto. La carta d’identità appartiene alla figlia, nata nel 2012, di due lesbiche. La piccola è stata concepita grazie al seme di un donatore autonomo. La madre biologica è una 30enne che ha una compagna con la quale si è unita civilmente e che due anni fa ha ottenuto l’adozione della bambina con una sentenza del tribunale di Venezia. Il tribunale  sottolineava che le due donne «costituiscano una coppia con un legame solido e duraturo e come entrambe vivano la relazione con la bambina come quella di un genitore con la propria figlia».

Le mamme a maggio si erano presentati negli uffici anagrafe per chiedere il rilascio della carta per la loro piccola e gli impiegati, non sapendo cosa scrivere alla voce “padre”, avevano chiesto chiarimenti al ministero dell’Interno, senza ottenere risposta.

Al Corriere Veneto il legale che ha seguito il caso, Valentina Pizziol, ha spiegato: “Tra le varie soluzioni che ci sono state proposte, abbiamo scelto quella di ottenere una carta d’identità in formato cartaceo, invece che digitale”.

Con il formato cartaceo la compilazione avviene direttamente per mano degli impiegati e rimangono i vecchi termini “genitore 1” e “genitore 2”. Il Comune può optare per il cartaceo in presenza di “gravi motivi”. Gravi motivi che nel caso in esame risiedevano proprio nella difficoltà di rilasciare il documento. Il decreto ministeriale di Salvini, a capo del Ministero dell’Interno da giugno 2018, non disciplina l’ipotesi di un minore con genitori dello stesso sesso.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roma, vandalizzata la metro rainbow di Colosseo
Cronaca / Covid, oggi 495 nuovi casi e 21 morti
Cronaca / Covid, 45 mila operatori sanitari non ancora vaccinati: al via le prime sospensioni
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roma, vandalizzata la metro rainbow di Colosseo
Cronaca / Covid, oggi 495 nuovi casi e 21 morti
Cronaca / Covid, 45 mila operatori sanitari non ancora vaccinati: al via le prime sospensioni
Cronaca / Sindacalista ucciso, il camionista ai domiciliari: “Non volevo investire nessuno”
Cronaca / Continua a diffondersi la variante Delta, ecco il test per riconoscerla
Cronaca / Nuoro: accoltellata dall’ex esce dal coma e cerca suo figlio, morto per salvarla
Cronaca / Galli: “Stato d’emergenza va mantenuto. Mascherine? Stupido farne battaglia di libertà”
Cronaca / L'Avis contro Enrico Montesano: "Non date retta alle fake news. I vaccinati possono donare il sangue"
Cronaca / "Saman ha cercato di scappare coi documenti". E il fratello della 18enne indica dov'è sepolta
Cronaca / La vigliaccheria degli anti-antirazzisti: criticano i calciatori inginocchiati ma non fanno nulla per contrastare l’odio