Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 20:51
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Biglietti per Juventus-Napoli vietati se sei nato in Campania: la Questura prende le distanze

Immagine di copertina

Biglietti Juventus-Napoli: vietati se sei nato in Campania

Sta diventando un caso la decisione del club bianconero di vietare i biglietti di Juventus-Napoli ai nati in Campania.

Non soltanto ai residenti, quindi, com’è prassi, a eccezione del settore ospite, ma anche a tutti coloro i quali nella regione partenopea hanno anche soltanto visto la luce.

(continua a leggere sotto la foto)

biglietti juventus napoli

La squadra campione d’Italia ha pubblicato sul suo sito la comunicazione relativa ai biglietti di Juventus-Napoli, in programma all’Allianz Stadium il prossimo 31 agosto, così come l’ha inviata alle autorità lo scorso 4 agosto.

Una risposta secca alla presa di distanza della Questura di Torino che era arrivata poche ore prima.

La nota della Questura di Torino

La Questura di Torino, infatti, ha smentito di essere stata coinvolta  nella decisione che riguarda la partita. “Con riferimento alla notizia apparsa oggi su alcuni organi di stampa, secondo la quale la Questura di Torino avrebbe concordato il divieto di vendita dei tagliandi per la partita Juve-Napoli a chi è nato in Campania, si comunica ufficialmente che tale notizia è del tutto destituita di ogni fondamento.  La Questura di Torino non ha mai concordato tale decisione con la società sportiva né intende condividerla”: È la nota pubblicata dalla Questura di Torino che si dissocia dall’avviso pubblicato dal sito ufficiale della Juventus.

L’annuncio, quindi, sarebbe scaturito in autonomia dal club bianconero.

L’Osservatorio sulle manifestazioni sportive del Viminale non ha ancora deciso alcuna determinazione in merito ai biglietti di Juventus-Napoli. La riunione dell’Osservatorio per la seconda giornata di campionato, tra l’altro, non si terrà prima del 20 agosto ed è quella la sede in cui, eventualmente, verranno indicate alcune prescrizioni, in linea con quanto già deciso nelle stagioni precedenti.

La polemica sul Web, anche dell’attore di Gomorra

Sul web, nel frattempo, impazza la polemica sui biglietti Juventus-Napoli. “Questo annuncio è un gravissimo precedente di razzismo pratico applicato”, commenta Gad Lerner su Twitter. “Ma almeno sanno il loro allenatore dove è nato?”, scrive una tifosa sui social, mentre altri si chiedono ironicamente se Maurizio Sarri potrà sedersi in panchina.

Sarri, infatti, l’allenatore della Juve, è toscano ma, incidentalmente, è nato proprio a Napoli. Da qui l’ironia dei commentatori sui social.

Con la decisione di vietare la vendita a chi è nato in Campania dei biglietti per Juventus-Napoli “si arriva alla vergogna, allo schifo e alla tristezza più totale. Il calcio è un gioco e voi lo state distruggendo”. Queste le parole con cui Salvatore Esposito, l’attore partenopeo divenuto famoso con il personaggio di Genny Savastano in Gomorra commenta la decisione della Juventus sul divieto della vendita dei tagliandi.

“Sono nato a Napoli – afferma Esposito in un video su Facebook – e ne sono fiero, sono nato in Campania e ne sono fiero, sono tifoso del Napoli e ne sono fierissimo. Volevo dire agli organi competenti, all’Uefa, alla Fifa, alla Lega Serie A, che fanno lotte contro il razzismo ‘say no to racism’ e poi permettono questo. Ovvero che venga vietata la trasferta non solo ai tifosi di una determinata squadra, perché questo accade tutte le squadre, ma a chi è nato in una determinata zona. E a chi è residente in una determinata Regione, in questo caso la Campania”.

“Di questo passo – conclude – credo si arrivi alla vergogna, allo schifo e alla tristezza più totale. Il calcio è di tutti, dal ragazzino al nonno che vuole e deve andare allo stadio, perché questo è un gioco e voi questo gioco lo state distruggendo”.

Ti potrebbe interessare
Calcio / Francia-Germania, secoli di rivalità in una sola partita
Calcio / Euro 2020, la prima volta dei Gufi reali
Calcio / Italia batte la Turchia 3 a 0
Ti potrebbe interessare
Calcio / Francia-Germania, secoli di rivalità in una sola partita
Calcio / Euro 2020, la prima volta dei Gufi reali
Calcio / Italia batte la Turchia 3 a 0
Calcio / “Mamma li turchi”, secoli di storia dietro l’esordio a Euro 2020
Calcio / Euro 2020, le favorite secondo i bookmakers
Calcio / Neymar accusato di aver abusato di una dipendente della Nike, il brand rompe il contratto
Calcio / Venerdì 28 maggio TPI presenta il libro Calcio e Geopolitica
Calcio / Superlega: 9 dei 12 club ammettono errore e chiedono scusa all’Uefa
Calcio / Tra appartenenza e fede, ecco perché il tifoso di calcio non è solo uno spettatore
Calcio / L'ipocrisia della Uefa: si scandalizza per la Superlega ma da anni cavalca il calcio business (di A. Di Battista)