Covid ultime 24h
casi +26.323
deceduti +686
tamponi +225.940
terapie intensive -20

“Minori abbandonati”: a Torino un bambino dorme sulle strisce pedonali

Di Cristiana Mastronicola
Pubblicato il 2 Lug. 2019 alle 14:58
0
Immagine di copertina

Bambino steso sulle strisce pedonali a Torino 

Una testimonianza agghiacciante, quella riportata da La Repubblica Torino, che mostra la foto di un bambino accasciato in strada, sulle strisce pedonali. A denunciare la vicenda è uno degli abitanti della zona, in corso Cosenza.

Il testimone, secondo quanto scrive La Repubblica, non sa dire con esattezza quanto tempo il bambino abbia trascorso steso a terra sull’asfalto. Forse stava giocando o forse addirittura potrebbe essersi addormentato lì, a meno di un metro dalle auto in sosta.

Stando a quanto scritto dal quotidiano, il bambino sarebbe figlio di una delle famiglie rom che abitano nella zona di corso Cosenza, che si servirebbe del giardinetto pubblico e della fontanella per lavarsi.

La denuncia del residente va oltre quello scatto. Perché sembra che quello non sia il solo bambino abbandonato a se stesso. Insieme a lui ce ne sarebbero altri, tanto che, come scrive Repubblica, gli agenti del commissariato Mirafiori hanno spesso condotto dei controlli proprio nell’insediamento abusivo, costituito da una decina di roulotte.

Bambino steso sulle strisce pedonali a Torino | Il comitato

Una coppia è stata perfino denunciata: l’accusa è quella di abbandono di minore, proprio perché sul figlio non veniva esercitato alcun tipo di controllo. Per contrastare il degrado, in zona è nato anche il comitato Circoscrizione2 Basta Degrado. “Campi Rom, degrado, abbandono. RIPRENDIAMOCI LA CIRCOSCRIZIONE 2!”, si legge sulla pagina Facebook del comitato.

Ai Giardini Ferruccio Novo i membri del comitato si ritrovano e chiedono di porre fine alla situazione.

L’azione del comitato è diretta espressamente contro le famiglie rom che abitano nella zona.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.