Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 15:47
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

“Odio mia figlia, voglio avvelenarla”: botte alla bambina disabile di tre anni, genitori arrestati a Milano

Immagine di copertina

BAMBINA DISABILE PICCHIATA MILANO – Picchiavano e maltrattavano la figlia disabile di tre anni e parlavano tra loro della possibilità di ucciderla, soffocandola, facendola annegare o avvelenandola. Per questo una coppia di genitori è stata arrestata a Milano. Una storia terribile, come le frasi pronunciate dai due fermati. “Odio mia figlia, metto il veleno nel suo mangiare. La scimmia è un grosso problema”, è una delle intercettazioni registrate dalla polizia locale.

Bambina disabile picchiata a Milano | Genitori arrestati

La coppia di 29enni egiziani è stata arrestata venerdì scorso appena salita assieme agli altri quattro figli, di età compresa tra uno e mezzo e 8 anni, su un autobus partito dalla stazione Centrale del capoluogo lombardo per raggiungere l’aeroporto di Malpensa, dove avrebbero preso in serata un volo di sola andata per l’Egitto. I due egiziani si trovano in Italia dal 2010 e vivono in un alloggio abusivo nella zona Nord Ovest di Milano. L’uomo è muratore mentre la moglie è una casalinga che accudiva i bambini.

Bambina disabile picchiata a Milano | Le intercettazioni | “La odio, la uccido”

“Odio mia figlia, ho un rifiuto per lei. Mi conosci, annegherò lei e la picchierò di continuo. Faccio finta di darle da mangiare, ma la pizzico”, sono altre frasi intercettate dalla polizia locale di Milano nell’indagine. Nei dialoghi registrati i due parlano con disprezzo della bambina la cui unica colpa è avere una disabilità cognitiva. “Sono stanca e ho picchiato X e Y (altri due dei cinque figli, ndr) per colpa sua”, sono parole della madre in una delle intercettazioni. “Allora la uccido”, è la risposta senza esitazione del padre. Ma la donna replica: “Sì, posso anch’io, metto il veleno nel suo mangiare. Ho fatto cose bruttissime che non puoi immaginare alla scimmia. Le ho pure rotto il braccio e tu lo sapevi”.

> Le notizie di cronaca di TPI

Quando la piccola era ricoverata all’ospedale Fatebenefratelli per le cure al braccio, il padre aveva dato indicazioni chiare alla moglie per chiudere la questione: “Portala in bagno ora e strangola subito… chiudi il suo naso così non respirerà più e falla finita”.

Bambina disabile picchiata a Milano | Il ricovero | Le indagini

Le indagini sul caso della bambina picchiata a Milano sono partite proprio dal ricovero in ospedale. La piccola aveva dolore a un braccio, e le fu diagnosticata una frattura. Le indagini che hanno portato al fermo dei genitori della bambina sono iniziate a metà maggio, quando il padre ha accompagnato la figlia al Fatebenefratelli. Secondo il genitore, il dolore al braccio della bimba era stato causato da una caduta accidentale da un divano. I medici però si sono accorti attraverso una radiografia che la piccola aveva una frattura scomposta con una calcificazione in corso e risalente a 3-4 settimane prima.

Il 17 maggio, due giorni dopo il ricovero, la struttura ha avvertito gli investigatori dell’Unità tutela donne e minori della polizia locale che hanno attivato le intercettazioni dalle quali sono emersi i piani della coppia. Per questo gli agenti hanno monitorato i genitori impedendo loro di farle del male in corsia.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roma, protesta davanti al dipartimento urbanistica. Patrizia Prestipino: “Solidarietà ai cittadini”
Cronaca / Richard Gere testimonierà contro Salvini nel processo Open Arms, il leghista: “Gli chiederò un autografo”
Cronaca / Lega, l’ex capo della “Bestia” Luca Morisi indagato: avrebbe ceduto droga. Lui: “Chiedo scusa, grave caduta come uomo”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roma, protesta davanti al dipartimento urbanistica. Patrizia Prestipino: “Solidarietà ai cittadini”
Cronaca / Richard Gere testimonierà contro Salvini nel processo Open Arms, il leghista: “Gli chiederò un autografo”
Cronaca / Lega, l’ex capo della “Bestia” Luca Morisi indagato: avrebbe ceduto droga. Lui: “Chiedo scusa, grave caduta come uomo”
Cronaca / Covid, oggi 3.099 casi e 44 morti: tasso di positività all'1%
Cronaca / Regeni, commissione d’inchiesta in missione a Cambridge
Cronaca / Covid, oggi 3.525 casi e 50 morti: tasso di positività all'1%
Cronaca / 3.797 nuovi casi e 52 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività all'1,4%
Cronaca / Trovato morto Giacomo Sartori, il 29enne scomparso una settimana fa a Milano
Cronaca / A chi esulta per Dell’Utri do una notizia: non è stato assolto dalle condanne precedenti
Cronaca / Rilasciato l’ex presidente catalano Puigdemont: era stato arrestato in Sardegna