Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 06:01
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Amianto, Solvay dovrà risarcire 558mila euro al figlio di un operaio morto per carcinoma

Immagine di copertina
La fabbrica a Rosignano Credits: ANSA

Una sentenza storica: il giudice del tribunale di Livorno Sara Maffei, con condanna a carico della Solvay, ha accolto le richieste dell’Osservatorio nazionale amianto (Ona) e dell’avvocato Ezio Bonanni, al risarcimento dei danni per la morte di un operaio, R. P., stroncato il 18 novembre 2010 da un cancro polmonare giudicato causato dall’esposizione professionale a amianto nello stabilimento di Rosignano.

La morte dell’operaio giunse dopo un’agonia di 122 giorni, in presenza della moglie e del figlio, già all’epoca coordinatore della sede ONA di Rosignano Solvay e impegnato nella ricerca delle prove sull’uso dell’amianto in Solvay. L’operaio, prima di morire, esortò infatti il figlio all’impegno per la tutela della salute e della vita umana, rispetto al rischio costituito dall’amianto e dagli altri cancerogeni

E il figlio ne ha raccolto il testimone: fin dal 2008, infatti, l’Ona è operativa con una sede nel territorio di Rosignano Solvay e ha raccolto le prove di centinaia di casi di malattie asbesto-correlate, vincendo numerosi contenziosi, e questo ha costituito il presupposto della tutela in sede giudiziaria che prosegue con decine e decine di altri casi.

La sentenza

La storia del processo nasce da un esposto presentato alla procura di Livorno che ottenne il rinvio a giudizio dell’allora direttore Solvay, per il reato di omicidio colposo. Nel 2015 inizia anche il procedimento civile innanzi il tribunale di Livorno.

È stato imposto alla multinazionale belga di versare all’uomo un totale di 558mila euro di danno non patrimoniale, suddivisi come segue: 88.669 per la malattia e la morte sofferte dal padre, 270mila per la precoce vedovanza della madre, Maria Luisa Filippi (che ha agito in giudizio insieme al figlio, ma è mancata nel 2016 in corso di causa) e altri 200mila a titolo di risarcimento iure proprio, per il decesso del genitore.

“Il danno subito dalla vittima – motiva il magistrato – è configurabile e trasmissibile agli eredi nella duplice componente di danno biologico “terminale”, da invalidità temporanea assoluta, e di danno morale consistente nella sofferenza patita dal danneggiato che lucidamente e coscientemente assiste allo spegnersi della propria vita“.

L’avvocato: “Finalmente è stata fatta giustizia”

“La magistratura del lavoro del tribunale di Livorno ha affermato l’importante principio della tutela risarcitoria sia per la vittima primaria, che per i suoi familiari, con piena applicabilità delle tabelle del tribunale di Milano – dichiara Ezio Bonanni, Presidente Ona e difensore dei ricorrenti – e ha così smentito le tesi della difesa che, assumendo l’assenza di deduzione e prova del danno, oltre che della lesività dell’ambiente di lavoro, contestava il diritto delle vittime ad ottenere il risarcimento. Finalmente giustizia per i familiari dell’operaio – conclude il legale – con l’amarezza che, ad assistere alla lettura della sentenza, c’era solo il figlio perché la mamma è stata stroncata da un cancro”.

Ti potrebbe interessare
Ambiente / Il ceo di Philip Morris: “Favorevole al divieto totale di fumo entro il 2030”
Ambiente / Incendi in Sardegna: centinaia di persone in fuga nell'Oristanese
Ambiente / Clima, il G20 di Napoli è un mezzo flop: Cina, India e Russia vogliono ancora il carbone
Ti potrebbe interessare
Ambiente / Il ceo di Philip Morris: “Favorevole al divieto totale di fumo entro il 2030”
Ambiente / Incendi in Sardegna: centinaia di persone in fuga nell'Oristanese
Ambiente / Clima, il G20 di Napoli è un mezzo flop: Cina, India e Russia vogliono ancora il carbone
Ambiente / Ambiente, la lettera aperta delle associazioni ai Paesi del G20
Ambiente / Cina: 25 morti e 100mila sfollati in Henan per le piogge più intense degli ultimi 1.000 anni
Ambiente / Nessuno è al sicuro dalla crisi climatica: le alluvioni in Germania sono solo un assaggio di cosa ci aspetta
Ambiente / Ora la foresta Amazzonica emette più CO2 di quanta ne assorbe
Ambiente / Allarme inquinamento a Istanbul: il mar di Marmara è invaso dalla mucillagine
Ambiente / La ripartenza in rosa ed eco-sostenibile delle sorelle Roncato: “Torniamo a viaggiare rispettando l’ambiente”
Ambiente / La Sicilia devastata dagli incendi dolosi nel silenzio generale: così la transizione ecologica è a rischio