Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:50
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Alberto Genovese condannato a 8 anni e 4 mesi per due stupri: pena più alta della richiesta della procura

Immagine di copertina

Alberto Genovese condannato a 8 anni e 4 mesi per due stupri: pena più alta della richiesta della procura

È stato condannato a 8 anni e 4 mesi di reclusione Alberto Genovese, nel processo abbreviato per due casi di stupro tra Ibiza e Milano, risalenti al 2020. Una pena superiore a quella di 8 anni chiesta dalla procura, che nella requisitoria aveva fatto riferimento a un “quadro di devastazione e degrado umano”. Secondo l’accusa, entrambe le vittime erano state stordite dall’imprenditore del web con un mix di cocaina e ketamina.

Assieme a Genovese è stata condannata a 2 anni e 8 mesi anche l’ex fidanzata Sarah Borruso, ma solo per il caso di Ibiza, risalente a luglio 2020. La donna avrebbe preso parte alla violenza contro una modella di 23 anni, accertata secondo l’accusa dalla denuncia della giovane e da testimonianze di altri ospiti di Villa Lolita.

Tre mesi dopo i fatti di Ibiza, Genovese ha violentato un’altra ragazza di 18 anni nel suo attico di Milano. La violenza è stata ripresa dalle telecamere della stanza di Genovese: la ragazza, stordita dall’assunzione di diverse sostanze stupefacenti, ha subito sevizie per ore, prima di riuscire a fuggire seminuda dalla “Terrazza sentimento”. Dopo i fatti la ragazza è risultata invalida permanente al 40 percento e secondo i suoi legali non può più svolgere il lavoro di modella che faceva prima.

Il giudice per l’udienza preliminare (gup), ha stabilito a favore della giovane una provvisionale di risarcimento da 50mila euro, la cui entità integrale andrà stabilita in sede civile. Meno rispetto alle aspettative della difesa, che durante il processo aveva chiesto una somma pari a 1,5 milioni di euro.

La difesa di Genovese, che ha scelto di ricorrere al rito abbreviato, aveva chiesto di riconoscere nel caso di Milano la semi infermità mentale e, di conseguenza, una condanna al minimo della pena, e l’assoluzione per quello di Ibizia. Durante il processo, i suoi legali hanno sostenuto che la capacità di intendere e di volere dell’imprenditore fosse “quantomeno grandemente scemata” al momento dei fatti, a causa di un’intossicazione cronica da stupefacenti e uno stato mentale definito patologico da una relazione tecnica realizzata dai consulenti.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Neonato lasciato in un sacchetto di plastica: “Sta bene, un miracolo che sia vivo”
Cronaca / Roma, attirano in trappola 17enne con sindrome di Down e lo picchiano: sotto accusa sei 15enni
Cronaca / Musei Vaticani, turista americano getta a terra due busti e li danneggia
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Neonato lasciato in un sacchetto di plastica: “Sta bene, un miracolo che sia vivo”
Cronaca / Roma, attirano in trappola 17enne con sindrome di Down e lo picchiano: sotto accusa sei 15enni
Cronaca / Musei Vaticani, turista americano getta a terra due busti e li danneggia
Cronaca / Milano, murales di Marge Simpson che si taglia i capelli in sostegno alle proteste in Iran
Cronaca / Ruby Ter, Karima El Marough a sorpresa in aula. I legali: “Mai fatto sesso con Berlusconi”
Cronaca / Bari, docente aggredito in classe dopo aver messo una nota a una studentessa
Cronaca / È morta Franca Fendi, lutto nel mondo della moda
Cronaca / Listeria, batterio in tramezzini al salmone: ministero Salute richiama prodotto
Cronaca / Roma, turista aggredita e violentata a Termini: a processo un 25enne
Cronaca / Tocca il seno all’alunna di 11 anni: arrestato prof delle medie. “La vicepreside sapeva ma non ha fatto nulla”