Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:48
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

La polemica sull’abete da donare al Vaticano come albero di Natale a San Pietro: “Non tagliatelo”

Immagine di copertina

È arrivata fin dentro gli uffici Vaticani la questione intorno all’albero di Natale che dovrebbe adornare Piazza San Pietro nelle imminenti festività: il fotografo naturalista Dario Rapino ha chiesto con una lettera indirizzata a Papa Francesco che l’esemplare, un abete bianco che il Comune di Rosello, in provincia di Chieti, ha deciso di donare, non venga abbattuto. Anche il Wwf ha sposato la battaglia, ed è stata tirata in ballo perfino la Forestale. Negli ultimi giorni si è scoperto che l’albero in questione – alto trenta metri con un’età stimata di 200 anni – si trova in territorio di Agnone, che è confinante con Rosello.

Non si trova quindi in Abruzzo, ma in Molise, e non ci sono le autorizzazioni della Regione Molise per il suo abbattimento. Le autorità hanno pertanto bloccato tutto in attesa di nuove disposizioni. “Avevamo deciso – spiega all’Adnkronos il sindaco di Rosello, Alessio Monaco – di procedere al taglio di un abete bianco in quella zona assieme al Comune di Agnone, perché quell’area è zona taglio. Lì, che non è area tutelata, sono in atto tagli da tempo. In ogni caso – prosegue –  abbiamo le autorizzazioni per tagliare in Abruzzo e, quindi, se ci sono problemi per quella pianta, ne troviamo un’altra nei nostri vivai regionali, dove ci sono abeti anche da 25 a 35 metri”.

Dopo essere stato visionato dai giardinieri vaticani, recintato e imbracato per essere tagliato e trasportato in piazza San Pietro, l’albero al momento non si muove da dove è. L’abete è una specie sottoposta ai vincoli della Direttiva Habitat Cee e ricade in zona Sic, cioè in un sito di interesse comunitario, aree strategiche per la tutela di habitat di importanza europea, legati a specie animali o vegetali minacciate da estinzione. Una soluzione potrebbe essere scegliere un nuovo albero preso da un sito da taglio chiamato “Palena”. “Se ci sono problemi per quella pianta – dice il sindaco di Rosello – ne troviamo un’altra nei nostri vivai regionali, dove ci sono abeti anche da 25 a 35 metri”. Giacomo Castana, 31 anni, giardiniere di Varese e attivista che l’anno scorso ha scavalcato la staccionata di San Pietro per dimostrare che l’abete del Papa anche senza radici era ancora vivo, ha rivolto un appello proprio al sindaco di Rosello: “Sia il primo sindaco a rinunciare al taglio dell’abete, anziché l’ultimo a fare un gesto contro tutto e tutti”

Ti potrebbe interessare
Cronaca / “Interventi contro i meridionali”, Vittorio Feltri andrà a processo per istigazione all’odio razziale
Cronaca / Violenta una 15enne e la costringe a prostituirsi: arrestato 64enne
Cronaca / Torino, gruppo di antagonisti assalta una Volante davanti alla questura. Mattarella esprime solidarietà agli agenti
Ti potrebbe interessare
Cronaca / “Interventi contro i meridionali”, Vittorio Feltri andrà a processo per istigazione all’odio razziale
Cronaca / Violenta una 15enne e la costringe a prostituirsi: arrestato 64enne
Cronaca / Torino, gruppo di antagonisti assalta una Volante davanti alla questura. Mattarella esprime solidarietà agli agenti
Cronaca / Minaccia di buttarsi da 17 metri, paura a Pescara: si negozia da 18 ore
Cronaca / Trenitalia, nuove regole sui bagagli e sul trasporto di passeggini, bici e strumenti musicali. Poi lo stop
Cronaca / Melissa Satta non ci sta e querela: “Basta, definita ‘sex addicted’ per la rottura con Berrettini”
Cronaca / Migranti, l’ong non si accordò con gli scafisti: chiesta l’archiviazione per il caso Iuventa
Cronaca / Il 4 novembre sarà la “Giornata dell’Unità nazionale e delle Forze armate”: via libera alla legge
Cronaca / Gruppo FS e il MAECI insieme per gli italiani nel mondo
Cronaca / “Lasciateci insegnare!”: la mobilitazione di Sinistra Universitaria