Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 06:14
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Roma, abortisce e scopre che il feto è stato sepolto contro la sua volontà: “Il mio nome su quella tomba”

Immagine di copertina

Abortisce e scopre che il feto è stato sepolto in cimitero: “Il mio nome sulla tomba”

Una donna originaria di Roma ha raccontato sulla sua pagina Facebook l’assurda vicenda che le è capitata dopo essersi sottoposta un’interruzione terapeutica di gravidanza: il suo feto è stato sepolto nel cimitero Flaminio di Roma con una croce su cui è stato iscritto il suo nome, nonostante avesse precisato di non volere le esequie né la sepoltura. “Nel momento in cui firmai tutti i fogli relativi alla mia interruzione terapeutica di gravidanza, mi chiesero: ‘Vuole procedere lei con esequie e sepoltura?’. Risposi che non volevo procedere. Dopo circa sette mesi ritirai il referto istologico, e pensando ai vari articoli sulle assurdità su sepolture di prodotti del concepimento, ebbi un dubbio. Decisi di chiamare la struttura nella quale avevo abortito e di contattare la camera mortuaria”, racconta Marta sui social. Dopo aver fornito i suoi dati ha scoperto che il feto stava per essere sepolto anche senza la sua autorizzazione.

“Mi dissero al telefono: ‘Stia tranquilla anche se lei non ha firmato per la sepoltura, il feto verrà comunque seppellito per beneficenza: avrà un suo posto con una sua croce e lo troverà con il suo nome'”, racconta la donna. E sulla croce c’era proprio il suo di nome, essendo il figlio “nato morto e dunque mai registrato”. “È tutto scandalosamente assurdo, la mia privacy è stata violata. Il campo in questione del cimitero Flaminio di Roma è pieno di croci con nomi e cognomi femminili. Ci tengo a dire che, nonostante tutto, non dimenticherò mai l’umanità e la gentilezza del personale della camera mortuaria che ha seguito la mia vicenda per mesi”. Un post struggente al quale Marta ha allegato la foto della croce con il suo nome e la data dell’interruzione di gravidanza.

Ogni donna ha il diritto di scegliere se e come portare avanti una gravidanza. E ogni donna che abortisce, a prescindere dalla ragione per cui lo fa, deve avere il diritto di decidere il destino del feto. C’è chi sceglie, liberamente, di seppellirlo. Ed è una decisione che va rispettata. Ma non può essere una procedura automatica e imposta a tutte, senza comunicazione, senza richiesta, senza consenso. Perché questa diventa violenza. E vedere il proprio nome stampato sulla croce di un feto è una evidente violazione della privacy. Come a dire a tutti: “La signora ha abortito”, ha commentato su Facebook la senatrice Pd Monica Cirinnà.

Leggi anche: 1. Aborto, in Piemonte verso lo stop alla pillola Ru486 nei consultori: la proposta di Fratelli d’Italia 2. Aborto con pillola, svolta del ministro Speranza: “Non servirà il ricovero in ospedale e potrà essere assunta fino alla nona settimana di gestazione 3. Utero artificiale: così la disputa sulla maternità surrogata può essere superata dalla tecnologia

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 3.882 casi e 39 morti: tasso di positività allo 0,8%
Cronaca / Camilla è “morta per reazioni al vaccino AstraZeneca”, le conclusioni del medico legale
Cronaca / “Criminale senza scrupoli”: la garante dei detenuti di Ivrea paragona Draghi a Cesare Battisti
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 3.882 casi e 39 morti: tasso di positività allo 0,8%
Cronaca / Camilla è “morta per reazioni al vaccino AstraZeneca”, le conclusioni del medico legale
Cronaca / “Criminale senza scrupoli”: la garante dei detenuti di Ivrea paragona Draghi a Cesare Battisti
Cronaca / Green pass per lavorare: perché in Italia si e all’estero no
Cronaca / Processo Ruby ter, Berlusconi assolto a Siena
Cronaca / Covid, oggi 3.794 casi e 36 morti: tasso di positività allo 0,7%
Cronaca / È arrivato il numero 6 del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Proteste no green pass: annullato corteo a Trieste, erano attese 20mila persone
Cronaca / Brescia, 49enne uccide a martellate in strada la ex fidanzata. Poi chiama i Carabinieri
Cronaca / Tragedia sul lavoro a Bologna: operaio di 22 anni muore schiacciato da un camion