Covid ultime 24h
casi +13.331
deceduti +488
tamponi +286.331
terapie intensive -4

Il Festival di Woodstock, l’evento che ha fatto la storia nel 1969: quello che c’è da sapere

Di Cristina Migliaccio
Pubblicato il 25 Giu. 2019 alle 18:32 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 02:54
0
Immagine di copertina

WOODSTOCK FESTIVAL COS’ERA – Quello che è conosciuto semplicemente come il Festival di Woodstock, o semplicemente Woodstock, ha un nome completo più esteso. La Fiera della Musica e delle Arti di Woodstock è stata una manifestazione che ha scritto la storia della musica.

In quell’arco di tempo andato dal 15 al 18 agosto 1969 tantissimi artisti in una piccola città rurale dello stato di New York (quale Bethel) diedero vita a un incredibile concerto rock, cavalcando l’apice della diffusione della cultura hippie.

L’omaggio di Rita Pavone a Woodstock in tv 

In genere, quando si parla del Festival di Woodstock si usa anche l’espressione “tre giorni di pace e musica rock” (in lingua originale 3 Days of Peace & Rock Music)

Perché si chiama Woodstock? Il nome del festival trae spunto dalla cittadina vicina – chiamata appunto Woodstock – conosciuta in particolare per le sue attività artistiche.

Woodstock festival cos’era | La storia

Woodstock nasceva come un festival di provincia, ma ben presto si trasformò in un evento leggendario. Trentadue musicisti e gruppi tra i più noti del tempo salirono sul palcoscenico del Festival animando le tre giornate di concerto che ebbero una grande carica simbolica.

Un Festival omonimo è stato riproposto anche nel 1994, per celebrare i 25 anni da allora. Per l’occasione si susseguono diversi artisti assenti nelle edizioni precedenti insieme ad artisti che avevano già calcato quel palcoscenico anni addietro.

A promuovere il Festival di Woodstock furono Michael Lang, John P. Roberts, Joel Rosenman e Artie Kornfeld.

Woodstock festival cos’era | Cantanti

Chi si è esibito al Festival nel 1969? Tantissimi artisti salirono sul palcoscenico. Il 15 agosto all’apertura del grande evento musicale il mondo ha potuto ascoltare la musica di Richie Havens, Swami Satchidananda, Sweetwaterm, Country Joe McDonald, John Sebastian, The Incredible String Band, Bert Sommer, Tim Hardin, Ravi Shankar, Melanie Safka, Arlo Guthrie e Joan Baez.

Il secondo giorno, il 16 agosto, il concerto è stato animato da Quill, Keef Hartley Band, Santana, Canned Heat, Mountain, Janis Joplin & The Kozmic Blues Band, Sly & the Family Stone, Grateful Dead, Creedence Clearwater Revival, The Who e Jefferson Airplaine.

Infine, nelle ultime due giornate del 17 e 18 agosto del 1969 salirono sul palco The Grease Band, Joe Cocker, Country Joe and the Fish, Ten Years After, The Band, Blood Sweat & Tears, Johnny Winter e Crosby, Stills, Nash & Young, Paul Butterfield Blues Band, Sha-Na-Na e Jimi Hendrix. 

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.