Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 20:31
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Costume

Waze: come la Community sta sostenendo la lotta al COVID-19 in tutto il mondo 

Immagine di copertina
Credit: Waze

L’app di navigazione illustra una fotografia dei dati della mobilità e racconta le sue iniziative internazionali

In risposta all’emergenza sanitaria causata dalla pandemia di Coronavirus che ha colpito tutto il mondo, l’app di navigazione social gratuita Waze ha attivato la sua Community e la sua rete di partner tra cui i volontari e il programma Waze for Cities per sostenere alcune iniziative a favore dei cittadini e supportarli in questo momento di crisi sanitaria.

 La situazione della mobilità a livello internazionale 

I dati di Waze relativi agli spostamenti mostrano come in tutto il mondo e nella maggior parte dei Paesi, la mobilità sia diminuita drasticamente. A livello globale, gli utenti di Waze stanno percorrendo il 60% di chilometri in meno rispetto alla media giornaliera, relativa al periodo tra l’11 e il 25 febbraio. 

I dati raccolti consentono alle città e ai cittadini di comprendere meglio l’impatto del COVID-19 sulla mobilità e sulla congestione stradale nei rispettivi Paesi. Osservando i dati a livello internazionale e focalizzando l’attenzione in particolare sui Paesi in cui l’epidemia si è maggiormente diffusa come in USA, Malesia, Francia, Spagna e Italia, si possono notare i primi cambiamenti rispetto alle tendenze abituali del traffico.

La mobilità in Italia 

In Italia, uno dei primi Paesi ad aver risentito in modo significativo dell’epidemia e tuttora fra i più colpiti insieme agli Stati Uniti, la mobilità è scesa di oltre il 90%. Dall’8 marzo, giorno in cui è stato dichiarato il blocco totale per la Lombardia, nella città di Milano il traffico ha registrato una diminuzione complessiva pari all’86%. A partire dal 10 marzo, invece, giorno in cui il Governo ha dichiarato il lockdown a livello nazionale, il traffico nelle strade si è ridotto fino a -87%, dato confermato anche dalla città di Roma in cui il traffico è calato di 86 punti percentuali.

Quali azioni ha intrapreso Waze in Italia 

Da febbraio, con il progredire dell’emergenza in Italia, Waze si è attivata in diversi modi per supportare lo sforzo delle Istituzioni e della Protezione Civile per salvaguardare la collettività. In un primo momento, con l’introduzione delle zone rosse in Lombardia e Veneto in corrispondenza dei focolai, la Community italiana si è attivata volontariamente per aggiornare in tempo reale la mappa stradale nelle zone colpite, con lo scopo di fornire sia una panoramica della situazione della viabilità per i cittadini in transito nelle aree limitrofe sia per evitare eventuali disagi per i mezzi autorizzati all’approvvigionamento degli abitanti delle zone poste in isolamento. 

Ma non solo, Waze ha scelto di continuare a fare la propria parte e di contribuire a ridurre i tassi di contagio grazie all’invio di una notifica pop-up a tutti gli utenti, che invita gli automobilisti italiani a riflettere e a valutare in modo consapevole se mettersi in viaggio. Il messaggio via app avverte gli automobilisti di mettersi al volante solo se strettamente necessario ed eventualmente di munirsi della corretta autocertificazione per giustificare lo spostamento. 

Le azioni internazionali di Waze a supporto dell’emergenza Coronavirus 

Nonostante la diminuzione complessiva del numero di persone in circolazione, nel mondo ci sono ancora viaggi essenziali che devono essere effettuati ogni giorno. Per questo motivo i dati di Waze possono aiutare gli utenti a pianificare i loro spostamenti in modo più efficace. Con una community di oltre 130 milioni di utenti, Waze è presente in 185 paesi e disponibile in 54 lingue ed ha invitato la propria rete di volontari e partner a collaborare e ad identificare quali tipi di informazioni possano essere maggiormente utili per sostenere la lotta contro il Coronavirus. I Map Editor di Waze e il team di Crisis Response stanno attualmente supportando 58 Paesi (il numero è in costante aumento) con azioni di soccorso specifiche per ogni regione, tra cui l’inserimento di chiusure stradali, la delimitazione di zone rosse, l’invio di notifiche pop-up informative e molto altro ancora. 

Dato che in alcuni paesi è possibile effettuare test medici in specifici centri abilitati e sono stati istituiti punti di distribuzione alimentare, Waze a livello internazionale ha creato una pagina web pagina tuttavia non indicata, al momento, per l’applicazione in Italia in quanto non conforme alle azioni del Governo – dedicata all’emergenza Coronavirus in cui chiede alle Istituzioni di tutto il mondo di fornire tali informazioni per aggiornare e migliorare le mappe utilizzate degli utenti sempre nel rispetto delle indicazioni di ogni singolo stato. 

Negli Stati Uniti, per esempio, Waze ha collaborato con WhyHunger e No Kid Hungry per aggiungere sulla mappa più di 30.000 punti di distribuzione di cibo. In alcuni Stati, Waze ha rapidamente rafforzato il supporto per i drive-through e i pickup point per aiutare gli utenti a ridurre al minimo il contatto con i prodotti, come alimentari e beni di prima necessità, mantenendo al tempo stesso il distanziamento sociale previsto dalle direttive. 

About Waze 

Waze è l’incontro tra le persone e la tecnologia per risolvere le sfide della mobilità. È una piattaforma che consente alla community di contribuire ai dati stradali ed editare le mappe per migliorare il modo in cui ci spostiamo nel mondo. Grazie ai Wazer, Waze è in grado di istituire partnership con municipalità ed enti di trasporto per ridurre il traffico e la congestione stradale – implementando le odierne infrastrutture e allo stesso tempo impattando sulla pianificazione delle città. Un mondo con trasporti migliori non deve per forza essere in un lontano futuro. Sfruttando la forza della comunità di invertire le tendenze negative nei trasporti, Waze potrà creare un mondo in cui il traffico resterà storia. 

Ti potrebbe interessare
Costume / Antonio Ricci a TPI: “Io sono una bestia ma voi siete ipocriti”
Costume / Svolta arcobaleno nei fumetti: il nuovo Superman è bisessuale
Costume / Pensare troppo causa infelicità: e se ti dicessimo che stai sprecando il 66% della tua vita?
Ti potrebbe interessare
Costume / Antonio Ricci a TPI: “Io sono una bestia ma voi siete ipocriti”
Costume / Svolta arcobaleno nei fumetti: il nuovo Superman è bisessuale
Costume / Pensare troppo causa infelicità: e se ti dicessimo che stai sprecando il 66% della tua vita?
Costume / Come fare una fattura elettronica: guida alla compilazione
Costume / L’ultimo allievo di De Chirico
Costume / Orietta Berti a TPI: “Mi vogliono tutti perché faccio audience”
Costume / A cos* serv* l* schwa: è davvero necessario un nuovo segno scritto per includere tutti?
Costume / Casinò online: le differenze normative negli Stati Europei
Costume / Wally Funk nello spazio a 82 anni
Costume / Il ReWriters fest. a Roma: al via la prima edizione di una manifestazione unica in Italia