Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:27
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Costume

Venezia, vietati negozi low cost e di souvenir kitsch a piazza San Marco

Immagine di copertina

Venezia, vietati negozi low cost e di souvenir a piazza San Marco

A Venezia, in Piazza San Marco, non sarà possibile aprire negozi low cost o souvenir kitsch “made China”. A stabilirlo è una delibera approvata dall’amministrazione comunale del capoluogo veneto, oggi 26 settembre 2019. Il provvedimento è stato votato all’unanimità, e dovrà passare al vaglio della regione per poter aver il via libera definitivo ed entrare in vigore.

La delibera ha l’obiettivo di tutelare il patrimonio culturale del centro storico di Venezia e “per non far perdere alla città antica la sua autentica identità”.

La delibera avrà una validità di tre anni.

Nel testo vengono elencate le merci che non potranno essere esposte nei negozi che apriranno nell’area marciana, l’area di Venezia che comprende San Moisè, Museo Correr, Torre dell’Orologio, Chiesa di San Zulian, Basilica di San Marco, Palazzo Ducale, Campanile di San Marco e Ponte dei Sospiri.

Avranno il via libera solo negozi di alta moda, librerie, gallerie d’arte e antiquariato, arredamento, design, oggetti preziosi, restauro di oggetti d’arte e artigianato artistico.

E ancora, le ristrutturazioni degli esercizi commerciali dell’area marciana dovranno garantire il mantenimento degli arredi già esistenti “o di analoga connotazione”. Molta attenzione anche all’illuminazione dei negozi, che non dovrà essere di tonalità fredda, e all’installazione dei serramenti “in materiale diverso dal legno o metallo”.

Addio dunque a gondole di plastica, maschere low cost, calamite o palle di neve con piazza San Marco all’interno che adesso affollano le viuzze del centro storico veneziano.

Sarà inoltre confermato il divieto, che oggi non viene rispettato, di esporre prodotti sugli stipiti delle vetrine delle porte d’ingresso o di utilizzare espositori esterni per catturare la curiosità dei turisti.

I prodotti di artigianato dovranno inoltre recare l’indicazione della provenienza, per far sì che non vengano esposti e venduti pezzi di artigianato prodotti all’estero e non frutto della produzione locale tradizionale veneziana.

Ti potrebbe interessare
Costume / Come funziona il noleggio auto a lungo termine
Costume / Iris Apfel, i 100 anni della “starlet geriatrica” che ha rivoluzionato lo stile e la moda
Costume / Imparare a parlare inglese con l’accento della famiglia reale inglese
Ti potrebbe interessare
Costume / Come funziona il noleggio auto a lungo termine
Costume / Iris Apfel, i 100 anni della “starlet geriatrica” che ha rivoluzionato lo stile e la moda
Costume / Imparare a parlare inglese con l’accento della famiglia reale inglese
Costume / Sui social sembriamo una grande comunità e invece è solo solitudine di massa
Costume / “Donne lampadario” alla festa di compleanno di Diletta Leotta: scoppia la polemica
Costume / Buon Ferragosto 2021: le frasi e le immagini più belle di auguri da condividere
Costume / Alessandra Mussolini: “Sono una ragazza di sinistra”
Costume / San Lorenzo 2021: quando, dove e come vedere le stelle cadenti
Costume / San Lorenzo 2021, la notte delle stelle cadenti: le frasi più belle da dedicare
Costume / Il nuovo settimanale di The Post Internazionale