Covid ultime 24h
casi +9.938
deceduti +73
tamponi +98.862
terapie intensive +47

Uomo porta un clown all’incontro per il licenziamento

Dopo aver ricevuto un'email che prometteva brutte notizie, Thompson si è presentato dalle risorse umane con un clown

Di Nicola Simonetti
Pubblicato il 16 Set. 2019 alle 09:00 Aggiornato il 23 Set. 2019 alle 19:34
0
Immagine di copertina
Josh Thompson e il clown Joe. Credit: Josh Thompson

Impiegato neozelandese porta un clown all’incontro per il licenziamento

Un uomo ha portato un clown all’incontro per il licenziamento.

È successo in Nuova Zelanda. Quando il copywriter Josh Thompson ha ricevuto un’email chiedendogli di presentarsi in ufficio per discutere il proprio ruolo nella compagnia, sapeva che sarebbe stato licenziato.

Le risorse umane della FCB New Zealand, un’agenzia pubblicitaria neozelandese, hanno suggerito a Thompson di portare con sé una “persona di sostegno”, ma anziché presentarsi con un familiare, Thomson ha speso 110 euro per assumere un clown di nome “Joe”.

“Stavo lavorando – perché avevo ancora un lavoro – e ho ricevuto un’email che diceva: ‘Ciao Josh vorremmo incontrarti per discutere alcuni aspetti del tuo ruolo'”.

“In pratica ho capito che stavo per essere licenziato… così ho pensato di rendere la situazione il più divertente possibile,” ha spiegato Thompson.

“Joe” ha accompagnato Thompson all’appuntamento, e ha trascorso tutto il tempo a fare palloncini, nonostante gli sia stato intimato più volte di smetterla perché era difficile sentire al di sopra del rumore della plastica.

Quando Thompson è stato licenziato, il clown ha reagito di conseguenza.

“Ha annuito quando mi hanno dato la cattiva notizia come se stessero licenziando anche lui” ha detto Thompson.

“Joe” ha persino fatto finta di piangere per dimostrare quanto fosse addolorato.

A seguito del licenziamento, Thompson si è fatto alcune foto con il clown, che hanno fatto il giro del web.

Il neo disoccupato ha detto a un’importante emittente britannica che invita tutti a farsi accompagnare da un clown a un licenziamento.

“Se avete una famiglia, degli amici, una matrigna, un patrigno, dei figliastri, portateli,” ha chiarito.

“Ma se c’è un clown a disposizione, particolarmente Joe, ve lo suggerisco caldamente”.

Fortunatamente per lui, Thompson è stato assunto da una nuova compagnia pubblicitaria, e tornerà a lavorare oggi, lunedì 16 settembre, a Auckland.

La vicenda del colosso di telecomunicazioni Almaviva: le tappe del più grande licenziamento degli ultimi 25 anni in Italia

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.