Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:04
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Costume

Una “trousse” a forma di conchiglia risalente all’epoca romana: la scoperta dei ricercatori

Immagine di copertina
Crediti: University of Granada

Una “trousse” a forma di conchiglia risalente all’epoca romana: la strabiliante scoperta dei ricercatori

Nel 2000 è stato ritrovato un contenitore per il trucco risalente all’epoca romana. Dopo anni dalla sua scoperta, un gruppo di ricercatori del Consorcio Ciudad Monumental de Merida, dell’Università di Granada (UGR) e dell’Istituto dei Beni Culturali di Spagna ha condotto uno studio su tale contenitore che risale al I secolo d.C. e ha scoperto che all’interno delle “trousse” era ancora presente un residuo del prodotto cosmetico.

Il reperto è stato trovato durante uno scavo presso un complesso funerario nell’antica capitale della Lusitania, Augusta Emerita (oggi Merida). Il contenitore in questione faceva parte di un corredo funerario insieme a tazze di ceramiche, bicchieri e altro. All’epoca, i ricercatori – pur non avendone capito l’utilizzo – l’avevano considerato l’oggetto più significativo dell’intero corredo. Si tratta di una “trousse” per il trucco a forma di conchiglia (della specie pecten maximus, conosciuta comunemente come capasanta). La conchiglia, 11 cm di diametro, è stata ritrovata chiusa e in buono stato di conservazione, con le due valve unite da una cerniera. Mentre la valva piatta serviva come coperchio della “trousse”, la valva convessa doveva custodire qualcosa all’interno e quel qualcosa – dopo aver aperto il guscio e aver ripulito ciò che era contenuto all’interno – è risultato essere un conglomerato polveroso, di tinta rosata. Secondo i ricercatori, si trattava di un residuo di prodotto cosmetico. Di lì, la curiosità dei ricercatori di capire se il materiale rinvenuto fosse un prodotto locale o un preparato arrivato da un’altra località.

Del resto, l’utilizzo di conchiglie come contenitore per cosmetici è una pratica che risale a migliaia di anni fa ed è comune a tante civiltà. Per ulteriori approfondimenti, potete sbirciare l’articolo di Mediterraneoantico.

Ti potrebbe interessare
Costume / Tradizione, sostenibilità e futuro: la ricetta del Consorzio del Prosciutto di San Daniele che compie 60 anni
Costume / I principali trend eCommerce del 2022 spiegati da Yeppon.it
Costume / L’influencer laureata in ingegneria aerospaziale: ecco chi è Alex Mucci
Ti potrebbe interessare
Costume / Tradizione, sostenibilità e futuro: la ricetta del Consorzio del Prosciutto di San Daniele che compie 60 anni
Costume / I principali trend eCommerce del 2022 spiegati da Yeppon.it
Costume / L’influencer laureata in ingegneria aerospaziale: ecco chi è Alex Mucci
Costume / Preventivo ristrutturazione: tutto quello che c’è da sapere
Costume / Dal RNG alla Roulette Online: gli algoritmi che controllano il gioco
Costume / “Impact Girl”, un nuovo media dedicato all’empowerment femminile
Costume / inTherapy: i percorsi di psicoterapia garantiti da Studi Cognitivi
Costume / Costa Crociere: un’esperienza turistica incentrata sulla sostenibilità e la gastronomia
Costume / Vestiti lunghi per capodanno: 5 idee a cui ispirarsi
Costume / #DONAREVALEQUANTOFARE – Il nuovo spot Cei sul sostegno alla missione dei preti