Covid ultime 24h
casi +11.629
deceduti +299
tamponi +216.211
terapie intensive +14

Tormentoni e frasi fatte, giovedì 20 giugno se ne parlerà ad Ancona

Di Giovanni Macchi
Pubblicato il 5 Giu. 2019 alle 15:53 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 02:54
0
Immagine di copertina

Giovedì 20 giugno 2019 ad Ancona si parlerà di “Tormentoni e frasi fatte”. Alle ore 10 a Palazzo delle Marche – Sala Ricci (Piazza Cavour 23) Filippo Nanni, vicedirettore di Rai News 24, Massimo Persotti, comunicazione e ufficio stampa al Dipartimento Politiche Europee della Presidenza del Consiglio dei Ministri, e Giulio Gambino, direttore di The Post Internazionale (tpi.it), tratteranno il tema per quanto riguarda il mondo del giornalismo.

Spesso molti giornalisti, per pigrizia o abitudine, ripetono frasi fatte e tormentoni nei loro articoli. Una pratica che sta diventando sempre più diffusa ma di fondo sbagliata e fastidiosa.

“Possibile che tutte le volte che si tratti di un anziano si debbano usare i triti e ritriti termini di “nonnino” o “arzillo” o simili disarmanti banalità? Altrettanto vale, tra l’altro, per “samurai” riferito ai giapponesi, “quattrozampe” per i cani o “Italia spaccata in due dal maltempo” e tante altre banalità”, scrisse qualche tempo fa un lettore a un noto giornale nazionale.

“Tormentoni e frasi fatte” è un incontro organizato con l’ODGMarche aperto ai giornalisti (la partecipazione garantisce crediti formativi: piattaforma SIGeF) ma non solo. Tutti possono partecipare. Se la parola “narrazione” comincia a darvi fastidio siete pronti per iscrivervi.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.