Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 21:38
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Costume

Tempo di bilanci: i settori più colpiti dal Covid in Italia

Immagine di copertina

Ad un anno dallo scoppio in Italia dell’epidemia che ha sconvolto tutto il mondo, è arrivato il momento di fare un bilancio. I settori colpiti duramente dal Covid sono stati diversi e possiamo dire che solo poche realtà sono riuscite a superare la crisi senza grandi perdite. Ci sono tuttavia delle attività che ne hanno risentito senz’altro più di altre, perché costrette a chiusure forzate per lunghi periodi di tempo. Attività che ancora oggi si vedono negata la possibilità di riaprire al pubblico e che potrebbero pagare davvero caro il prezzo della pandemia.

Vediamo quali sono i settori più colpiti dal Covid in Italia: quelli che faranno probabilmente più fatica a rialzarsi dopo questo anno interminabile.

Il settore del gioco: sale slot e casinò puntano sul web

Il settore del gioco d’azzardo è forse uno di quelli che ha risentito maggiormente della crisi sanitaria nel nostro Paese ed era inevitabile considerati i provvedimenti presi per contenere il rischio di contagio. Le sale slot ed i casino italiani sono stati costretti a rimanere chiusi al pubblico per lunghi, lunghissimi periodi di tempo: l’unica finestra favorevole è stata in estate, dopodiché tutto è peggiorato nuovamente. Ancora oggi queste attività non possono aprire al pubblico, il che determina perdite di fatturato davvero considerevoli. Il settore è riuscito da un lato a salvarsi puntando tutto sul web: i online hanno lavorato molto nell’ultimo anno, registrando un vero e proprio boom. Sono stati proposti nuovi bonus di benvenuto e create piattaforme ad hoc, ma se nel web tutto sembra andare a gonfie vele, lo stesso purtroppo non si può dire dei casinò fisici, costretti ancora a rimanere fermi.

Turismo: un settore ormai in ginocchio

Un settore che di certo ha pagato un caro prezzo per via dell’epidemia di Covid è stato anche quello del turismo, intorno al quale ruotano moltissime attività differenti. Si è dunque innescata una reazione a catena, che ha coinvolto diversi soggetti: dalle agenzie di viaggio ai ristoratori, dagli hotel ai vari impianti turistici. In estate la situazione sembrava essere migliorata e anche gli operatori del settore hanno potuto tirare un sospiro di sollievo, ma è durata poco perché con l’autunno e l’arrivo della seconda ondata di Covid le restrizioni sono aumentate. L’ultimo colpo inferto al turismo è arrivato con la conferma della chiusura degli impianti sciistici, che avrà conseguenze devastanti.

Ristorazione e settore alberghiero

Il settore alberghiero e quello della ristorazione non sono di certo scampati alla crisi dell’ultimo anno, nonostante le aperture a singhiozzo abbiano consentito a diverse attività di evitare una chiusura permanente. Purtroppo però è tutto collegato anche in questo caso: se le persone escono meno di casa ed il turismo è ormai ridotto a zero, non ci si possono attendere grandi fatturati nel settore della ristorazione e men che meno in quello alberghiero. Si punta tutto sul delivery oggi: l’asporto e le consegne a domicilio hanno permesso di continuare a lavorare, ma non sono più sufficienti per tenere in piedi un’attività e pagare i dipendenti.

Ti potrebbe interessare
Costume / Lavoravo come consulente legale a Milano, poi ho detto basta: ora faccio il cooperante in Congo e sono più felice
Costume / Buoni motivi per cui preferire auto usate
Costume / Gherardo Guidi: “Durante il lockdown la notte mi sognavo le serate. Ora la Capannina riapre con molta più passione che negli anni prima della Pandemia”
Ti potrebbe interessare
Costume / Lavoravo come consulente legale a Milano, poi ho detto basta: ora faccio il cooperante in Congo e sono più felice
Costume / Buoni motivi per cui preferire auto usate
Costume / Gherardo Guidi: “Durante il lockdown la notte mi sognavo le serate. Ora la Capannina riapre con molta più passione che negli anni prima della Pandemia”
Costume / Joanna Kenny, l’influencer che sfida gli standard di bellezza evidenziando i baffetti con il mascara
Costume / Dall’uomo incinto alla faccina che fa il saluto militare: tutte le nuove emoji 2021-22
Costume / Le conseguenze della dichiarazione di Obama sugli UFO
Costume / Gli Elites realizzano una reaction a Wembley per la finale degli Europei
Costume / Buone idee crescono: ecco WiseMindPlace, la piattaforma che trasforma le idee in progetti
Costume / Euro2020, l'ex cantante degli One Direction insulta l'Italia: intervengono Fedez e Andrea Delogu
Costume / Da “home” a “Rome”, la “scontro social” tra Poste Italiane e la Royal Mail britannica sulla vittoria degli Azzurri