Covid ultime 24h
casi +13.571
deceduti +524
tamponi +279.762
terapie intensive -26

Tamagotchi, l’animaletto virtuale degli anni ’90 è tornato

Di Clarissa Valia
Pubblicato il 12 Giu. 2020 alle 16:34
349
Immagine di copertina
Tamagotchi. Credit Image: © Charla Jones/The Toronto Star via ZUMA Wire

Il Tamagotchi è tornato

Prendersi cura del proprio “pulcino” virtuale per milioni di bambini della generazione anni Novanta era diventato un vero e proprio dovere. Quel piccolo animaletto custodito nel celebre videogioco a forma di ovetto aveva bisogno di essere nutrito, doveva giocare, bisognava pulirlo e farlo dormire. E se ignoravi le sue richieste – a volte da vero rompiscatole – si ammalava e moriva. Il Tamagotchi per anni è stato un cult e ora è pronto a fare il suo ritorno, a distanza di quasi trent’anni.

Il nuovo ovetto si chiamerà Tamagotchi On Wonder Garden. Verrà lanciato il 26 luglio negli Stati Uniti. I preordini online saranno disponibili a partire da giovedì su Target, Amazon, Walmart e GameStop. Ma quali sono le novità? Prima di tutto la grafica, niente più punti neri ma ora è a colori e su un dispositivo che può connettersi a un’app sul cellulare.

A differenza del primo Tamagotchi, il nuovo pulcino virtuale potrà uscire fuori casa, festeggiare il compleanno con palloncini colorati e musica e persino viaggiare in terre lontane. Può anche sposarsi e crescere figli, che in seguito diventeranno adulti e continueranno l’albero genealogico. E quando sei impegnato, puoi lasciare il tuo animaletto in una sorta di asilo nido che lo accudirà al posto tuo.

Il giocattolo però conserva gli elementi nostalgici fondamentali degli anni Novanta. Per fare crescere il tuo “pulcino” è sempre necessario monitorare i livelli di fame, felicità e divertimento. Quando ha bisogno di qualcosa, emetterà un segnale acustico, anche quando lo schermo è spento. Resta anche la configurazione originale a tre pulsanti.

Leggi anche: Che cos’è il fidget spinner e perché si sta diffondendo così velocemente

349
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.