Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:47
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Costume

Perché Google dedica il doodle agli stivali di gomma di Wellington

Immagine di copertina

Il 5 dicembre del 2014 fu il giorno più piovoso della storia del Regno Unito: il doodle di Google di oggi

Gli stivali di gomma di Wellington, il significato del doodle di Google di oggi

I protagonisti del doogle di Google di oggi, 5 dicembre 2019, sono gli stivali di gomma Wellington. Una scelta apparentemente sorprendente, ma in realtà molto originale e significativa. Di solito, infatti, i doodle vengono dedicati a personaggi famosi  o a ricorrenze importanti, e non ad oggetti di uso comune come gli stivali.

Perché allora la scelta di dedicare il doodle agli stivali di gomma? Il popolare motore di ricerca vuole con l’occasione ricordare il 5 dicembre 2014, giorno più piovoso nella storia del Regno Unito, in cui caddero 34 centimetri di pioggia nella contea inglese di Cumbria, al confine con la Scozia.

Gli stivali di gomma, che gli inglesi chiamano “Wellington boots” o con il diminutivo “wellie” sono stati il simbolo di quel giorno. Un oggetto che recentemente abbiamo visto molto anche in Italia, soprattutto a Venezia, dopo l’ondata di maltempo che nelle scorse settimane ha colpito gran parte del nostro Paese.

Gli stivali Wellington: la loro storia

Il loro nome è legato al fatto che a concepire la loro particolare forma fu Arthur Wellesley, duca di Wellington, nella prima metà dell’Ottocento, ispirandosi a sua volta al modello assiano, che aveva la gamba che arrivava quasi al ginocchio ed era solitamente decorato con una nappa sul bordo.

Wellington ebbe così l’intuizione di renderlo più pratico togliendo il bordo e la nappa e rendendo lo stivale più aderente alla gamba, facendolo finire a metà polpaccio. Un modello che divenne subito di moda, per poi subire modifiche nel secolo successivo.

Molto utile soprattutto in Paese come il Regno Unito in cui le piogge e di conseguenza il fango sono molto presenti. Negli ultimi decenni gli stivali sono diventati un accessorio di moda, grazie a varie aziende e griffe che lo hanno saputo valorizzare.

Negli anni Novanta, ad esempio, sono diventati un capo d’abbigliamento unisex molto in voga tra i giovani.

Ti potrebbe interessare
Costume / Chi è Kola Tytler, a 23 anni fondatore di Dropout, la startup multimilionaria di rivendita di sneakers
Costume / Continuano a crescere gli acquisti online: i consigli più utili per i consumatori
Costume / Le diverse generazioni e il digitale: come si comportano?
Ti potrebbe interessare
Costume / Chi è Kola Tytler, a 23 anni fondatore di Dropout, la startup multimilionaria di rivendita di sneakers
Costume / Continuano a crescere gli acquisti online: i consigli più utili per i consumatori
Costume / Le diverse generazioni e il digitale: come si comportano?
Costume / Preparare e spedire un pacco da casa con IoInvio il servizio di spedizione online di Poste Italiane
Costume / Trucchi per conciliare studio e lavoro
Costume / Buona befana 2022: le frasi per i vostri auguri per l’Epifania via WhatsApp
Costume / Buona befana 2022: frasi e immagini per i vostri auguri per l’Epifania
Costume / Chef stellato trasforma un panettone in un sandwich al formaggio: "Scusate italiani"
Costume / Buon anno nuovo 2022: frasi e pensieri carini da mandare via WhatsApp
Costume / Buon anno 2022: tante frasi e citazioni per i vostri auguri