Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:03
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Costume

Quando negli Usa si potevano spedire bambini per posta

Immagine di copertina

Negli Stati Uniti si potevano spedire bambini per posta

Sembra incredibile, ma per un breve periodo, negli Stati Uniti è stato possibile spedire bambini per posta. Nel 1913 il Servizio Postale Usa introdusse i pacchi postali, prima di allora vi erano limitazioni sul peso degli oggetti spediti (1.8 kg), ma a seguito dell’introduzione dei pacchi questo limite si estese fino a 23 kg.

Non esistendo un vero e proprio divieto di “spedizione bambini”, alcune famiglie iniziarono a spedire bambini in giro per gli Usa. Un caso è raccontato dagli storici del National Postal Museum: una coppia dell’Ohio spedì un neonato dalla nonna, a circa 3 km di distanza, pagando 15 centesimi di spedizione e 50 dollari di assicurazione. La storia finì presto su tutti i giornali suscitando condanna, ma anche imitazione, con un numero sempre crescente di famiglie che decidevano di “spedire” i bambini con i servizi postali, meno costosi di un biglietto del treno.

Dopo qualche tempo, la pratica venne vietata, e il vuoto normativo venne sostituito da una regola. Nonostante oggi possa sembrare davvero incredibile, bisogna ricordare che i postini, nei primi anni del ‘900, venivano considerati delle figure di riferimento dalle comunità locali, che si fidavano ciecamente dei loro servizi. La storia cambia, e cambia la cultura e vicende che oggi ci appaiono incredibili, un tempo sono state “normali”.

Visualizza questo post su Instagram

Sembra incredibile, ma per un breve periodo, negli Stati Uniti è stato possibile spedire bambini per posta. Nel 1913 il Servizio Postale USA introdusse i pacchi postali, prima di allora vi erano limitazioni sul peso degli oggetti spediti (1.8 kg), ma a seguito dell'introduzione dei pacchi questo limite si estese fino a 23 kg. Non esistendo un vero e proprio divieto di "spedizione bambini", alcune famiglie iniziarono a spedire bambini in giro per gli USA. Un caso è raccontato dagli storici del National Postal Museum: una coppia dell'Ohio spedì un neonato dalla nonna, a circa 3 km di distanza, pagando 15 centesimi di spedizione e 50$ di assicurazione. La storia finì presto su tutti i giornali suscitando condanna, ma anche imitazione, con un numero sempre crescente di famiglie che decidevano di "spedire" i bambini con i servizi postali, meno costosi di un biglietto del treno. Dopo qualche tempo, la pratica venne vietata, e il vuoto normativo venne sostituito da una regola. Nonostante oggi possa sembrare davvero incredibile, bisogna ricordare che i postini, nei primi anni del '900, venivano considerati delle figure di riferimento dalle comunità locali, che si fidavano ciecamente dei loro servizi. La storia cambia, e cambia la cultura e vicende che oggi ci appaiono incredibili, un tempo sono state "normali". #Storia #Curiosità #Notizie #Posta #StatiUniti

Un post condiviso da TPI (@tpi) in data:

Ti potrebbe interessare
Costume / Roma: le migliori location con vista per il giorno del sì
Costume / Fenomeno “Sharenting”: quando i figli finiscono in vetrina sui social
Costume / I social creano dipendenza tra i giovani? Sì, ma i veri colpevoli sono i genitori
Ti potrebbe interessare
Costume / Roma: le migliori location con vista per il giorno del sì
Costume / Fenomeno “Sharenting”: quando i figli finiscono in vetrina sui social
Costume / I social creano dipendenza tra i giovani? Sì, ma i veri colpevoli sono i genitori
Costume / All’aeroporto Leonardo da Vinci l’arte è ancora protagonista con “Master of Mistakes” di Daniele Sigalot
Costume / Chiara Ferragni scomparsa dai social: "Sta malissimo"
Costume / Uomo scopre il tradimento della moglie grazie ai suoi pappagalli che ripetevano: “Mio marito non è in casa, vieni”
Costume / Le migliori città europee dove vivere: Roma al quarto posto, Milano in top ten
Costume / Buona Pasquetta 2024: le frasi per i vostri auguri su Whatsapp
Costume / Buona Pasqua 2024: immagini da inviare su WhatsApp per gli auguri oggi, 31 marzo
Costume / Buona Pasqua 2024: frasi e citazioni per i vostri auguri oggi, 31 marzo