Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Costume

Smartworking alle Hawaii? Lo Stato offre un volo gratuito per trasferirsi in spiaggia

Immagine di copertina

Il periodo è certamente difficile per tutti, ma magari per qualcuno può essere anche un’opportunità. Chi non vorrebbe poter lavorare in smartworking in un posto da sogno come le Hawaii? Ebbene, adesso è possibile. Lo Stato infatti ha pensato a un programma, “Movers and Shakas”, destinato agli statunitensi e agli ex residenti che abbiano più di 18 anni e che durante la pandemia stanno lavorando da remoto.

Chi verrà selezionato, dovrà trasferirsi per un mese nell’arcipelago e vivere come membri della comunità, svolgendo anche attività di volontariato. Insomma, un modo per integrarsi con la popolazione locale e dare una mano all’economia. Non si potrà solo godere dei paesaggi paradisiaci che offrono le isole, ma bisognerà essere smartworker che vogliano dare davvero un contributo concreto allo Stato. Gli ammessi al programma dovranno dedicare alcune ore alla settimana a un’organizzazione no profit in loco, mettendo a disposizione le proprie competenze e abilità. “È un piccolo passo verso la ripresa e la diversificazione dell’economia locale”, spiegano gli ideatori del progetto alla Cnn.

Il primo gruppo di fortunati sarà selezionato tra quanti si candideranno entro il 15 dicembre. Le Hawaii offriranno loro un biglietto gratuito di andata e ritorno per Oahu: condizione imprescindibile è quella di doversi trasferire entro un mese e trascorrere almeno 30 giorni consecutivi nell’arcipelago. “Uno degli obiettivi centrali del progetto è aiutare a diversificare l’economia, – spiega alla Cnn Richard Matsui, fondatore di “Movers and Shakas”. “Oltre che portare dollari preziosi nelle nostre attività locali, il vero valore è portare lavoratori con conoscenza e talento che aiuteranno sia a costruire le nostre comunità, attraverso il lavoro di volontariato, sia a rendere la nostra economia più resiliente e diversificata”. “Le Hawaii hanno attualmente il più basso tasso pro capite di infezioni da Covid negli Usa; ciò lo rende anche uno dei posti più sicuri in cui vivere e lavorare”, aggiungono gli ideatori dell’iniziativa.

Ti potrebbe interessare
Cinema / Cannes, donna in topless sul red carpet per protesta contro gli stupri in Ucraina | VIDEO
Costume / Grande Fratello, Fedro contro Luca Argentero: “Eravamo fratelli, si è rivelato un opportunista”
Costume / Belen Rodriguez torna a parlare di autoerotismo in tv: “Scegli cosa pensare e non devi fingere orgasmi”
Ti potrebbe interessare
Cinema / Cannes, donna in topless sul red carpet per protesta contro gli stupri in Ucraina | VIDEO
Costume / Grande Fratello, Fedro contro Luca Argentero: “Eravamo fratelli, si è rivelato un opportunista”
Costume / Belen Rodriguez torna a parlare di autoerotismo in tv: “Scegli cosa pensare e non devi fingere orgasmi”
Costume / Anna Falchi: “Evviva il catcalling, a me fa piacere e non offende. Lasciamo che i maschi siano rozzi”
Costume / #SenzaGiridiBoa: la campagna social delle donne per dire No al modello Elisabetta Franchi
Costume / Buona Festa della Mamma 2022: le immagini per gli auguri
Costume / Buona Festa della Mamma 2022: le frasi per gli auguri da inviare su WhatsApp e Facebook
Costume / “Ogni tanto faccio autoerotismo, ognuno ha il suo metodo per rilassarsi”: la confessione piccante di Belen Rodriguez
Costume / Dalle grande dimissioni alla fuga dallo streaming: cosa sta succedendo a Netflix e perché non vogliamo più acquistare abbonamenti
Costume / Lo sfogo di Chiara Ferragni: “Ero in una relazione che non funzionava, mi sentivo così sola e in gabbia”